• TWJTTER
  • TWJTTER

Follow me...


Avvertenze

Parola di gancjo non puo’ considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

L’ Autore non ha alcuna responsabilita’ sui contenuti dei siti in collegamento, sulla qualita’ o correttezza dei dati. Egli si riserva la facolta’ di rimuovere le informazioni, fornite da terzi, ritenute offensive o contrarie al buon costume.

Le immagini sono correlate agli argomenti di cui si scrive. Alcune, sono provenienti da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora i soggetti proprietari fossero contrari alla pubblicazione non dovranno far altro che segnalarlo in modo da poter procedere ad una rapida eliminazione.


Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Post più popolari

Il senso della scienza per la neve

Scritto da Massimo Ferraris martedì 11 marzo 2008

In natura non esistono due fiocchi di neve uguali. E' un modo di dire, ma anche una realtà. Per dare una spiegazione scientifica a questo detto, i ricercatori Janko Graver dell’Università della California Uc Davis e da David Griffeath dell’Università di Wisconsin Madison si sono messi insieme ed hanno creato un sofisticato software in grado di generare tutte le strutture possibili del fiocco.

La ricerca ha stuzzicato gli studiosi sin dal 1611, da quando Keplero sentenziò che la neve avesse una struttura cristallina.

Secondo gli studi più recenti, la neve, pur presentando la classica forma "ad ago", ed essendo simile a prima vista, differisce un fiocco dall'altro in infinitesime punti. La diversità è dovuta a molti fattori, quali la temperatura, la densità o durezza dell'acqua e l'umidità.

La formazione del fiocco nasce da un nucleo centrale, il quale più delle volte è un granello di polvere, al quale si avvolge una miscela semiliquida di molecole d'acqua, che sfruttano le concavità della struttura creata per svilupparsi.

La classica forma presente sugli alberi di Natale a "sei punte" esiste ma è relativamente rara, così come altre forme, quali ad esempio quella a farfalla, denominata "butterflake".

Uno studio interessante, quindi, ma che a parer mio svlilisce un po' l'idea del caro fiocco di neve (della serie: ma che servono 'sti studi!).

0 Commenti per: Il senso della scienza per la neve

Altri post correlati

E se vuoi anche in

Statistiche

Iscriviti ai feed

puoi farlo anche via email:

Delivered by FeedBurner

Scrivi a gancjo

Translate this blog

parola di gancjo in...
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Lettori che mi seguono

Antipixel