• TWJTTER
  • TWJTTER

Follow me...


Avvertenze

Parola di gancjo non puo’ considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

L’ Autore non ha alcuna responsabilita’ sui contenuti dei siti in collegamento, sulla qualita’ o correttezza dei dati. Egli si riserva la facolta’ di rimuovere le informazioni, fornite da terzi, ritenute offensive o contrarie al buon costume.

Le immagini sono correlate agli argomenti di cui si scrive. Alcune, sono provenienti da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora i soggetti proprietari fossero contrari alla pubblicazione non dovranno far altro che segnalarlo in modo da poter procedere ad una rapida eliminazione.


Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Post più popolari

Ubuntu: prelevare fotogrammi da un filmato

Scritto da Massimo Ferraris venerdì 27 febbraio 2009 0 commenti

Ci sono scene di film di cui ci si innamora a prima vista. Piccoli fotogrammi che riescono ad esprimere concetti personali o che semplicemente ci affascinano per il contenuto.
Purtroppo la loro permanenza sullo schermo dura un battito di ciglia ed a nulla vale bloccare col telecomando  quell'istante. A volte abbiamo bisogno di "prelevare fisicamente" l'attimo e salvarlo, magari usandolo come sfondo del desktop, per averlo sempre davanti agli occhi. 
Per fare questo possiamo usare Ubuntu ed un'applicazione freeware chiamata  GFrameCatcher
Come al solito le difficoltà sono ridotte al minimo, essendo programmi mirati ad un solo uso. Tra le opzioni ci sono quelle di poter scegliere il fotogramma singolo, lo scatto multiplo e la possibilità di eseguire il prelevamento dei frame ogni "tot" di secondi.
Il tutto può essere salvato nei formati singolo o unico file con miniature degli scatti.

Lettere dall'oltretomba...

Scritto da Massimo Ferraris giovedì 26 febbraio 2009 0 commenti

Ogni tanto sento il bisogno di cercare siti curiosi, così tanto per non pensare a nulla e cercare di divertirmi. E' una sorta di "relax tour" che mi concedo quando sento il bisogno di "staccare la spina". Mi capita specialmente nei weekend e la sera tardi, quando la famiglia ormai dorme "il sonno dei giusti"!...
Tra i tanti siti ridicoli che proliferano sulla rete, mi sono imbattuto in uno dall'aspetto serio, che offre un servizio impeccabile, senza cadere nel ridicolo. Ma è proprio quello che propone ad avermi mosso al riso.
Last Post, che già dal titolo lascia presagire eventi funesti, è una sorta di portale dedicato a chi vuole lasciare un suo messaggio ai posteri, una volta avvenuta la dipartita. Gli strumenti messi a disposizione sono molti, sia dal punto di vista del contenuto che dell'aspetto grafico.
Un breve tour guidato spiega tutte le "meraviglie", portandovi per mano sino al trapasso...
Necessaria la registrazione che ho prontamente "schifato", ricorrendo ai soliti gesti scaramantici. Un "bel" sito, una "bella" idea, ma di una tristezza senza fine... gancjo...

Voglio aprire una nuova sezione di post, dedicati alle texture, cioè quelle immagini solitamente in formo bitmap utilizzate per rivestire le superfici di un oggetto virtuale, tridimensionale, o bidimensionale, con un apposito  programma di grafica.
Ma con texture possiamo anche definire lo sfondo di un'immagine e quindi può essere usata come immagine fissa da apporre sul desktop.
La rete mette a disposizione migliaia di queste immagini, tra le quali una moltitudine sono di libero utilizzo. Ce ne sono veramente per tutti i gusti, da vere opere d'arte a curiose riproduzioni di "quotidianità". Ed è proprio su quelle che si va a posare la mia curiosità di navigatore della rete.
Senza andare a rompere le scatole a nessuno, voglio segnalare solo quelle libere, per non incappare nelle ire di "mister copyright". 
Inizio quindi con la prima carrellata, messa a disposizione da Caleb Kimbrough, un giovane americano appassionato di texture, aventi come tema portante le macchie d'olio.
Ogni anno, nei soli Stati Uniti, vanno sprecati "in macchie" migliaia di litri d'olio, che vanno a formare misteriosi disegni sull'asfalto.
Date un'occhiata e prelevate le immagine da questo link.




Free Texture Tuesday: Oil Stains

Free Texture Tuesday: Oil Stains

Free Texture Tuesday: Oil Stains

Free Texture Tuesday: Oil Stains

Tutti i browser in una penna

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

La mania dilagante delle pen drive hanno un fondamento ben preciso: la loro versatilità. Infatti, con il passare del tempo la loro memoria si è vista aumentare a ritmo esponenziale, arrivando a livelli di "stoccaggio" dati notevoli.
In quel piccolo oggettino che possiamo tranquillamente tenere in tasca, abbiamo la possibilità di trasportare tutto ciò che ci serve. E non solo film o musica, ma anche utility che ci permettono di usare le nostre applicazioni preferite anche su macchine non nostre. Sono i cosiddetti programmi eseguibili, che non vanno a scrivere nulla sul PC che li ospita (nemmeno nel registro) e svolgono egregiamente il proprio lavoro, proprio come "i programmi veri"!
Xenocode presenta un eseguibile rivoluzionario in grado di gestire simultaneamente i browser più gettonati, mostrandoci la compatibilità con le applicazioni in esse caricate. Molto utile per gli sviluppatori, ma anche per chi trova difficoltà nel visualizzare pagine web.
Il motore Xenocode è una potente tecnologia di virtualizzazione che separa le applicazioni dal sistema operativo sottostante. A differenza delle tradizionali soluzioni di virtualizzazione hardware, Xenocode emula solo la tecnologia di virtualizzazione del sistema operativo di base,  necessaria per l' esecuzione.
I browser emulati sono:
  • Internet explorer 8
  • Internet explorer 7
  • Internet explorer 6
  • Firefox
  • Safari
  • Opera
  • Chrome
Un altro bel programma da mettere nella "cassetta degli attrezzi"... gancjo...

Suonerie fai-da-te

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 25 febbraio 2009 0 commenti

In barba a tutti quei servizi (a pagamento) che credono di poter distribuire suonerie per celliulari come se fossero pietre preziose, esiste il modo, per noi "mortali", di poterle creare "a gartis".
SmartMp3Splitter è un servizio free, senza bisogno di registrazione e facile da usare, attraverso il quale si possono creare melodie per cellulari, partendo da un file mp3.
I passi da percorrere sono veramente pochi:
- fare l'upload del file mp3;
- riprodurlo in rete;
- individuare la porzione da convertire;
- lanciare la creazione della suoneria ed attendere.
Una volta convertito, il file può essere memorizzato sul nostro PC e trasferito al cellulare con il metodo preferito.
Più facile di così c'è solo "l'uovo alla coque"!... gancjo...

Filezilla 3.2.2 pronto e gratuito

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Ho cominciato ad usare Filezilla da quando ho provato a "trafficare" con un dominio acquistato per pochi euro... Sino ad ora si è rivelato un inutile tentativo di rimpiazzare questo blog. Vedremo in futuro, chissà!...
Questo comodo client FTP, nato all'inizio solo per Windows, dalla versione 3.0.0 è diventato multipiattaforma, con versioni per Mac, FreeBSD e Linux. E' ora disponibile al download il nuovo 3.2.2, compatibile con i protocolli FTP, SFTP e FTP e con la possibilità di traferimento multiplo dei file.
Molto intuitivo e facile da usare possiede un'interfaccia "a prova di dummies", quindi utilizzabile da tutti. 

Stop agli aggiornamenti indesiderati in XP

Scritto da Massimo Ferraris martedì 24 febbraio 2009 0 commenti

La fiducia degli utilizzatori Microsoft nei confronti dei suoi prodotti è eccessivamente "cieca". Per molti tutto quello che viene dalla casa madre va preso come "oro colato" e quindi installato senza fiatare.
Parlo in special modo degli aggiornamenti automatici, una sorta di arma a doppio taglio con la quale molti hacker riesco a penetrare i sistemi. 
Ma non solo Microsoft è preso d'assalto: Adobe, Sun ed altre case software che producono programmi che la maggior parte degli utenti hanno installati sulla propria macchina, mandano con regolarità aggiornamenti.
Si può comunque fermare tutto questo usando piccoli programmi, per la maggior parte freeware, come ad esempio XP-AntiSpy. Con esso è possibile decidere se "chiudere i rubinetti" degli aggiornamenti oppure selezionare quelli che reputiamo fidati.
Come sempre: prevenire è meglio che curare... gancjo...

Un recupera-dati sicuro e discreto

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

La paura della perdita dei dati è una cosa che attanaglia "le visceri" a più di un utilizzatore di PC. Non ci sono supporti o copie di sicurezza che tengano. Nulla è per sempre e quindi può capitare che da un momento all'altro il disco rigido, il DVD o la pendrive vi salutano per passare a "miglior vita"! Urla agghiaccianti, disperazione e panico sono le reazioni più frequenti.A meno che non vogliate spendere fortune per il recupero dei dati eseguito da una ditta specializzata, vi consiglio prima di fare un giro in rete per trovare una soluzione. Di norma non tutto è perduto; la maggior parte delle volte si tratta di piccoli errori come ad esempio la rottura di un cluster o la sovrascrittura di qualche settore, che obbligano il PC ad "impuntarsi", proprio come farebbe la puntina su un vecchio vinile rigato.
Un software dedicato a questo, del tutto gratuito e senza bisogno di installazione è DiskDigger. Il suo compito è quello di eseguire la scansione di tutti i supporti di memorizzazione che possono essere letti da un computer, a prescindere dal file system presente e dal tipo di dati.
La sua funzione è "read only", cioè non esegue la riparazione dei settori danneggiati, bensì tramite un sistema di "brute force" mostra in anteprima ciò che viene recuperato. Stà a noi decidere se desideriamo salvarlo.
In modalità di solo recupero il programma (eseguibile) lavora senza il bisogno di memorizzare dati sul disco fisso. Esiste comunque l'opzione di salvataggio selezionabile dall'interfaccia.
Ho voluto provarlo con una vecchia scheda di memoria da 64 Mb che utilizzavo circa 5 anni fa con una macchina fotografica digitale di cui non esiste nemmeno "la semenza", buttata in un cassetto perchè illeggibile. Magia delle magie, dopo pochi secondi sono apparse le immagini, di cui non ricordavo nemmeno l'esistenza. Su 50 fotogrammi il programma è riuscito a recuperarne 37! 
Per essere un freeware devo dire che ha funzionato più che egregiamente. Sicuramente da tenere nel "cassetto degli attrezzi" .

Ubuntu: vedere film in formato ASCII

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

In questo periodo, dove l'alta definizione sta diventando uno standard, i televisori LCD e al plasma vengono (quasi...) regalati, i lettori Blue-ray stanno diventando i giusti successori dei DVD, voglio segnalarvi un metodo per visualizzare i filmati in un terminale di Ubuntu utilizzando solo caratteri ASCII.
C'è subito da dire che la qualità lascia parecchio a desiderare, ma a noi interessa vedere come, tramite simboli colorati, è possibile ricreare il filmato riprodotto.
Per fare questo abbiamo bisogno di mplayer, che se non lo avete ancora installato potete farlo con
sudo apt-get install mplayer
Quindi procuriamoci un filmato in formato .avi e lanciamolo, sempre da terminale
mplayer -vo caca TitoloFilm.avi
Al posto di TitoloFilm inserite quello che volete riprodurre. 
Per una resa ottimale vi consiglio di utilizzare cartoni animati dai forti contrasti cromatici, come ad esempio i Simpsons. In questo modo potrete osservare il filmato stando seduti davanti al monitor. Se invece utilizzate un film normale per poter distinguere le scene sarete costretti ad allontanarvi sempre di più.
I parametri da inserire nella riga di comando sono semplici; caca indica il testo a colori, mentre per poterlo vedere in bianco e nero basta inserire al suo posto aa.
Buona visione... gancjo...

Generatore di quotidiani "vecchia maniera"

Scritto da Massimo Ferraris lunedì 23 febbraio 2009 0 commenti

Avete presente quei giornali custoditi in cantina, che dopo anni vengono alla luce, mostrando la patina del tempo sotto forma di bordi ingialliti, caratteri di stampa "antidiluviani" e consistenza "legnosa"?
Tutto questo può essere riprodotto fedelmente tramite Fodey, un sito che ci permette di generare una piccola immagine personalizzata.
Basta inserire il titolo del giornale, la data nel formato che più ci piace e del testo che può essere anche prelevato con un copia-incolla. Quindi clicchiamo su "Generate!" ed avremo la nostra copia "fresca di stampa", proprio come quella in figura.

Disegnare online con un amico

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Mi sono imbattuto in Imagination Cubed, un sito senza troppe pretese dal punto di vista grafico, ma ottimo per passare un po' di tempo a "scarabocchiare" con un amico.
Senza bisogno di registrarsi si può invitare tramite mail un conoscente ed iniziare a tracciare curve, linee rette, piccoli stampini variando a piacimento spessore e colore,  tramite un pennarello che prenderà il posto del cursore.
Il risultato finale si può salvare e stampare, e addirittura esiste un'opzione che permette di registrare l'intero "lavoro di coppia" per poterselo "gustare" quando più ne abbiamo voglia.
Buon divertimento... gancjo...

The Linux Starter Pack

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Capita di rado di poter trovare delle guide su Linux veramente ben fatte. E quando dico ben fatte mi riferisco a pubblicazioni che prendono l'utente per mano e lo accompagnano nel meraviglioso mondo GNU. Se poi questo è "farcito" in "pasta Ubuntu", ben venga!
The Linux Starter Pack è un libro in lingua inglese, messo in commercio nel 2008 ed ora disponibile (legalmente!...) al download in formato PDF. Si tratta di una vera miniera di informazioni, rigorosamente divisa per argomenti, con il quale potremo imparare ad installare il sistema, eventualmente partizionando il disco, sino ad arrivare ad usare in modo ottimale tutti i software ed utility principali. 
Gli argomenti spaziano parecchio, contemplando ad esempio anche la configurazione di Compiz, la gestione di account multipli, l'installazione dei codec e l'uso di Synaptic.
La pubblicazione è disponibile solo in lingua inglese, ma grazie all'enorme quantità di immagini è adatta a partire da tutti quelli che hanno un'infarinatura di inglese a livello scolastico in su.
Grazie all'autore che l'ha resa disponibile gratuitamente (come ogni buon prodotto Linux dovrebbe essere...).

50.000 caratteri sparsi per il web

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Della serie "spazio e semplicità per tutti", vi voglio segnalare FreeTextHost, un comodo servizio in grado di poterci regalare la possibilità di memorizzare sul web un testo. L'unico limite è quello che non può superare i 50.000 caratteri ed è solamente testuale.
Nessuna registrazione, ma solo l'inserimento di una password per potervi accedere, visualizzarlo ed anche modificarlo.
Il suo uso è molteplice ed è a discrezione di chi lo usa. Comodo specialmente per chi non possiede un proprio sito o blog ed ha bisogno di avere informazioni pronte e condivisibili.

Oyonale un sito aleatorio

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Dicasi aleatorio qualcosa di imprevedibile, incerto ed in balia della sorte. Associare un termine così ad un sito significa inquadrarlo in qualcosa di non statico, ma in continua evoluzione, anche se la meta finale (nel caso esista...) non è conosciuta. 
Oyonale si può far rientrate benissimo in questa categoria, con i suoi bizzarri progetti, tutti legati alla grafica, che portano chi lo visita in un mondo di colori e combinazioni di immagini.
Ad esempio la parte dedicata ad Image Mixer permette la creazione di sfondi che possono essere usati come immagini per desktop o per essere stampati per creare opere artistiche, soltanto unendo tra loro foto e lasciando il rendering alla casualità. I risultati sono uno più bello dell'altro.
Ricca anche la sezione di oggetti 3D, usabili gratuitamente. Oppure quella degli oggetti OBJ, sempre liberi, da utilizzare con programmi professionali come Cinema 4D.
Sicuramente degno di essere visitato. 

Invio multiplo di file a servizi host

Scritto da Massimo Ferraris venerdì 20 febbraio 2009 0 commenti

Non è certo il primo sito ad offrire tale servizio, ma quello che differenzia Gazup da altri suoi simili è la semplicità d'uso legata all'accuratezza dei risultati finali. Registrandosi si ha la possibilità di inviare simultaneamente a più servizi host lo stesso file. La dimensione non può superare quella del limite dato dal più restrittivo di essi.
Una volta eseguito il suo compito verrà visualizzata una pagina contenente tutti i link ai file di ogni servizio.
Con la vostra password avrete sempre a disposizione il vostro materiale, ovunque vi trovate.
Comodo, utile e preciso... gancjo...

Bloccare il link sospetto

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

La posta elettronica è un'invenzione molto comoda, ma dannatamente pericolosa. Utile per il fatto di essere in contatto in tempo reale con il resto del mondo, pericolosa perchè basta segnalare il proprio indirizzo ad un sito sbagliato e ci vedremo invadere da messaggi non desiderati. Ma non tutta questa spazzatura può risultare pericolosa a prima vista. Gli artisti nel confezionare mail attraenti non mancano; quindi con esse segnalano siti "stuzzicanti" che ci fanno abboccare come pesci all'amo.
Basta un "click!" e siamo fritti... virus, spyware ed altre schifezze immediatamente "corrono" ad infettare la nostra amata macchinetta senza che neppure ce ne accorgiamo (non subito, ma poi...). Occorre quindi andare cauti ed essere sicuri su cosa clicchiamo.
Un utile strumento in rete che ci può segnalare un URL potenzialmente pericoloso prima di visitarlo è Online Link Scan, il quale si occupa di eseguire la scansione di un indirizzo web fornendoci una serie di risultati sulla sua pericolosità o sicurezza.
Come sempre da prendere "con le molle", poichè si tratta pur sempre di una scansione online, della cui profondità di ricerca non siamo a conoscenza.

Invecchiare con il web...

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Le idee non mancano a chi ha voglia di "invadere" la rete con cose nuove. Siti curiosi, inutili e nati "già morti" trovano spazio nel grande calderone del web. Ho avuto modo (e sicuramente ne avrò ancora...) di presentare siti che possono incuriosire. Il fatto che piacciano oppure no dipende da chi lo visita. Non per niente il mondo è bello perchè è vario, altrimenti tutti mangeremmo il gelato gusto limone (che io odio!...)... 
Che ne dite allora di dare un'occhiata a Dailybooth, un posto dove viene promesso di osservare il lento (ed inesorabile) scorrere del tempo sul vostro volto? Una cosa curiosa e di "lunga" realizzazione, che può dare i primi risultati visibili non prima di 4 o 5 anni.
Il funzionamento è semplice: occorre registrarsi e ogni giorno (più o meno), tramite webcam, scattare una foto che andrà a creare un album personale fatto di primi piani.
I creatori hanno voluto precisare che questo può essere utile per rivedere la propria pettinatura, il trucco che usavamo (donne...), i baffi o il pizzetto rasato (uomini...) e tutto ciò che il nostro volto ha subito nel tempo.
Tutto sta a vedere se il sito avrà vita così longeva da poterci far "apprezzare" i cambiamenti.
Sito curioso davvero e, a mio avviso, pure triste... gancjo...

NutShellMail un servizio utile per FaceBook

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 18 febbraio 2009 0 commenti

Ho provato ad iscrivermi a FaceBook, più per curiosità che per vero scopo di utilizzo. Appena "entrato" sono rimasto sorpreso dalla "vastità" del suo ambiente. Dopo averci perso un'ora a girovagare, andando a vedere le pagine di attori, parenti e conoscenti, mi sono reso conto di come uno strumento simile riesca ad avvicinare le persone. Allo stesso tempo ho capito il perchè il suo ideatore è diventato milionario e il perchè del successo suscitato in tutto il mondo. Centinauia di gruppi, di servizi, scambi di idee e tantissime "cose inutili", ma che non guastano in questo web-universo.
Normale quindi che dietro a tutto ciò nascano servizi aggiuntivi, più o meno come è successo con Google o Youtube. Uno di questi è NutShellMail, una sorta di integrazione via mail dei servizi a cui siamo abbonati.
L'applicazione utilizza un normale account di posta elettronica ed è completamente personalizzabile.
Si può impostare la frequenza di ricevimento dei messaggi e i contenuti che desideriamo. Funge quindi come una specie di filtro, informandoci solo di quello che abbiamo bisogno.
Appena avrò tempo ed avrò capito bene come "muovermi" in FaceBook non mancherò di provarlo... gancjo...

Megaupload mette il turbo

Scritto da Massimo Ferraris 1 commenti

Certamente tutti conoscono Megaupload, e per chi non lo conoscesse consiglio di andare a darci un'occhiata. Il famoso host di file per tutti (e per tutto...) si rinnova, aumentando la sua velocità di trasferimento dati sino ad arrivare a 20 Mb/s. Ma le novità non finiscono qui: il limite giornaliero di download, per la versione free, è salita a 20 GB, mentre l'upload a 2 GB. Molte novità e quindio maggiore disponibilità di prelevamento.
Come sempre, per avere pieno accesso senza limitazione, occorre abbonarsi ad uno dei piani a pagamento.
Affidabilità e sicurezza nell'archiviazione dei file sono certificati da Megaupload. Che volere di più?... gancjo...

Pensiero della sera: ma dove andrà Ubuntu?...

Scritto da Massimo Ferraris martedì 17 febbraio 2009 0 commenti

Mi domando spesso quale potenzialità potrà avere la prossima  versione di Ubuntu. E questa domanda me la stò facendo sin dalla versione 6.04, cioè da quando ho iniziato ad usare (più o meno) regolarmente Ubuntu.
Il percorso affascinante di questa distribuzione Linux mi ha convinto che lo sforzo profuso dai programmatori e quello economico sostenuto dalla Canonical vanno nella direzione giusta.
Ad esempio la prossima versione, la 9.04, che vedrà la luce a breve, vanta caratteristiche di tutto rispetto, che andranno a cambiare il punto di vista con cui siamo abituati ad osservare "la creatura". Perche? Semplice: gia sin da ora, con il rilascio delle ultime Alpha, si è notato un incremento delle prestazioni rispetto alla 8.10 anche senza l'utilizzo del file system EXT4. Queste "migliorie" si traducono in un boot di circa 20 secondi rispetto ai 30 precedenti ed un trasferimento dati di 99 Mb/s invece degli attuali 80 Mb/s.
Quindi un aumento della performance dell'ordine di un buon 20%. Sicuramente tale dato sarà migliorato con l'utilizzo di EXT4, unitamente allo sviluppo di nuovo software dedicato.
Ma dove andrà Ubuntu?... Sicuramente sulla strada giusta... gancjo...

Strip comix alla portata di tutti

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Ammetto di essere completamente negato nel disegno; non riesco a fare a mano libera nemmeno una casetta col fumo che esce dal camino. Figuriamoci poi disegnare personaggi o animali! Nonostante questa mia "negazione" nei confronti dell'arte, non disdegno di cimentarmi a creare piccole strip che rispecchiano le situazioni di vita quotidiana. Tutto questo grazie a siti come Make Beliefs Comix, dove con pochi semplici passi possiamo creare fumetti in forma di striscia, quelle piccole "situation" che hanno fatto la fortuna di personaggi tipo Mafalda.
Non me ne voglia Quino: mai potrei paragonare i miei "pasticci" a vere opere d'arte come le sue!
Il sito in questione mette a disposizione tutto l'occorrente per partire da zero, fornendoci personaggi (con relative espressioni e movimenti del corpo), nuvolette per i dialoghi, colori e pure alcuni effetti (tipo il flip dell'immagine).
Vi assicuro che appena ci prenderete la mano vi divertirete un sacco a creare le vostre mini-storielle.
Chi volesse inviarmene sarò ben felice di pubblicarle... gancjo...

Free Audio Editor 2009

Scritto da Massimo Ferraris lunedì 16 febbraio 2009 0 commenti

Se siete alla ricerca di uno strumento semplice ed efficace col quale poter "giocare" con i vostri file musicali, oppure volete "manipolare" la vostra voce applicando effetti, potete provare Free Audio Editor 2009. Come dice il nome è completamente gratuito.
I suoi punti di forza, oltre al fatto di essere "a gratis", sono: l'intuitiva interfaccia, la possibilità di lavorare con i formati più diffusi (mp3, wav, ogg), il risultato in tempo reale degli effetti applicati, capacità di eliminare rumori di fondo ai files, ha integrato uno strumento di sintesi vocale ed è possibile masterizzare direttamente da programma.
Un'unica pecca: funziona solo su Windows.

Ubuntu: un sistema in forma

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Un sistema pulito è un sistema più sicuro e performante. Più o meno sono queste le parole che vengono usate quando si vuole indicare una macchina in perfetta forma. Ma l'uso quotidioano del PC rende duro seguire questa direttiva, poichè lavorando, navigando e in-disin-stallando software riusciamo ad accumulare su disco fisso una quantità impressionante di dati inutili. Questo si traduce in occupazione di spazio e nella nostra rabbia nel non riuscire a capire come mai il disco diventa "sempre più piccolo"!
Anche Ubuntu non è esente da tale problema e perciò "volonterosi" programmatori sfornano software ad hoc in grado di darci una mano, senza doverci spaccare la tetsta nella ricerca del file inutile...
Tra i tanti applicativi voglio segbnalare FSLINT, nato con l'intento di rimuovere i files duplicati, ma poi evoluto nelle varie versioni sino a divenire un "pulitore" di sistema molto efficace. Per installarlo, da terminale:
sudo aptitude install fslint
quindi lo potrete trovare in Applicazioni -> Strumenti di sistema -> FSlint. Avviandolo avrete due scelte disponibili: o cercare un file specifico, oppure eseguire la scansione. Come risultato finale avrete, oltre ai file duplicati, una lista di directory vuote, files temporanei e parti di programma "orfani" (sempre se presenti, chiaro!...).

I formati dei files: quale bel dilemma! Beati i tempi in cui ne esistevano solo alcuni, facilmente riconoscibil (.doc per Word, .mp3 per la musica, .avi per i video, .zip per i files compressi, ecc...). Oggi ogni casa software, nonostante molti programmi abbiamo lo stesso scopo di fondo, "amano" avere la propria estesione che la differenzia da quella dei concorrenti. Ci troviamo così a "navigare" tra un mare di documenti che il più delle volte ci è difficile "decifrare".
Con la globalizzazione delle notizie si stà cercando di dare un freno a tutto questo, scegliendo pochi tipi di formati con i quali condividere informazioni. Normalmente questi tipi di files hanno la loro estensione nei browser più conosciuti (.pdf, .jpg), per cui basta cliccare su di essi per poter essere aperti.
Ma se invece vi trovate tra le mani un'estensione "impossibile" (latex. vor3, sxd3, sti oppure xlsx per citarne alcune) allora le cose cominciano a farsi complicate. Non tutti i programmi ad esso associati sono provvisti di un lettore o hanno qualche equivalente non commerciale, per cui il più delle volte siamo costretti a "gettare la spugna". Prima però potete provare a fare un alto su Docuter, un sito specializzato nella visualizzazione online, con un "bagaglio di circa 200 formati disponibili. 
Occorre registrarsi gratuitamente per poterlo usare, quindi fare l'upload di ciò che ci interessa "decifrare" ed attendere. Il risultato puo essere prelevato in forma di codice pronto da inserire nel proprio blog.
Un nuovo servizio affidabile, da usare in coppia con il più vecchio ed ottimo Scribd.

Ginipic: ricerca di immagini da desktop

Scritto da Massimo Ferraris giovedì 12 febbraio 2009 0 commenti

In rete esistono centinaia di "serbatoi" di immagini, dai quali possiamo attingere liberamente. Flickr, Picasa o Google ci regalano ciò di cui abbiamo bisogno. Purtroppo occorre collegarsi tramite browsr ed iniziare la ricerca.
Ginipic è invece un piccolo software per ambienti Windows (Vista ed Xp) che lavora indipendentemente, tramite la sua interfaccia e comodamente da desktop, eseguendo la ricerca dai principali siti specializzati.
Per funzionare ha bisogno di .NET framework SP1, che viene scaricato in automatico se ancora non è presente sulla vostra macchina.

Quando uscirono i primi DVD video tutti gridarono al miracolo: finalmente ci si poteva liberare da tutti quei nastri VHS così facilmente danneggiabili. Era nato il supporto "perpetuo" a prova di tempo, ma... non di graffi! 
Bastano infatti poche righe "ben fatte" ed il vostro DVD è pronto per essere cestinato. I cultori collezionisti amano trattare con le pinze le proprie opere, ma se siete gente comune, magari con qualche figlio (uno a caso...) che "ama" maneggiare i dischi come se fossero sotto bicchieri, la cosa comincia a farsi problematica.
Il mio piccolo ama guardare i suoi DVD a letto, sullo schermo del PC, "maneggiando" i dischi da solo, e quindi quando ho scoperto DVDSmith mi sono "fiondato" a prelevarlo.
Cosa fa questo programma? Semplice, si occupa di fare una copia del contenuto sull'hard disk, in modo da avere il film in tutto e per tutto uguale all'originale. Il software non è a scopo "pirata", poichè non ha la funzione di  masterizzazione, ma solo "preventivo" L'uso è intuitivo, così come le funzioni supportate: copia dell'intero disco, compresi menù e elementi aggiuntivi, oppure del solo film.
In questo modo sono riuscito a salvare WALL-E, appena comprato da qualche giorno ed in questo modo  ancora perfetto. Speriamo che sia il primo di una lunga serie...

Il motore di ricerca universale

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Quasi due anni fa è nato il progetto Sputtr, con il quale si è cercato di dare un risultato globale alle nostre ricerche, sfruttando tutte le risorse disponibili in rete tramite una sola pagina web. Ci ero già stato in passato e devo dire che quello che ho trovato è decisamente migliorato. Ricerche più veloci (quindi risultati più rapidi) e nuovi "bottoni" presenti. Uso questa parola per indicare i servizi web selezionabili. 
L'uso è semplice: inserite il termine da ricercare e poi scegliete uno dei motori presenti (Google, Facebook, Ask, Flickr, Digg, Delicious, ecc...), quindi attendete i risultati, che non mancheranno di meravigliarvi per la loro accuratezza.
Complimenti ai creatori e a come lo gestiscono!... gancjo...

Mirbit per personalizzare foto

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Il servizio offerto da Mirbit è diviso in due parti. Il primo permette di creare simpatiche foto andando a modificarne una già esistente, tramite l'inserimento di elementi grafici estranei. Il secondo offre tutti gli strumenti per inventare brochure e biglietti a livello professionale. Il tutto gratuitamente.
Visto il periodo, è presente un buon numero di temi legati a San Valentino.

Scritte strane grazie a Flickr

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 11 febbraio 2009 0 commenti

g11 a36 N C J O

Vi piace la scritta che appare qui sopra? E' solo un esempio di quanto è possibile fare con Spell with Flickr. Data l'enorme quantità di materiale fotografico presente nella rete sociale, è normale che alcune immagini siano riferite a lettere dell'alfabeto. 
Il sito in questione, piuttosto spartano graficamente, è al contrario veloce e funzionale nella ricerca. Basta inserire la parola o la frase nella casella di testo e cliccare su spell. Quasi immediatamente vi verrà mostrata una  scritta che assomiglierà più o meno a quella in figura; se non siete soddisfatti del risultato basta selezionare una lettera tante volte sino a quando non troverete quella che fa per voi.

Ubuntu 9.04 Jaunty Jackalope alpha 4

Scritto da Massimo Ferraris martedì 10 febbraio 2009 0 commenti

Per chi proprio non ne può fare a meno è disponibile la versione alpha numero 4 della futura distribuzione Ubuntu. Non stò qui a descrivere novità o applicazioni sorprendenti, poichè sino alla fine gli sviluppatori avranno tempo di decidere chi e cosa togliere o mettere. Quindi agli impavidi lascio i link per il download, chiedendo, come sempre, un loro giudizio sulla versione provata "sul campo". Grazie a tutti... gancjo...

Giochi per Linux da non perdere

Scritto da Massimo Ferraris 1 commenti

Dopo aver scritto pochi post fa della penuria di giochi discreti per Linux, voglio spezzare una lancia a suo favore e presentarne alcuni di notevole fattura. Divertirsi con Ubuntu (e non solo) è possibile, anche senza avere per forza l'ultimo videogioco di grido.

Racer - The real deal
Sito ufficiale  -  Download

 
Bz Flag
Never Ball
 
Flight Gear
Ufo: Alien Invasion
Buon divertimento... gancjo...

Ubuntu: Google Earth 5.0

Scritto da Massimo Ferraris 4 commenti

Sembra impossibile come in solo una decina d'anni quello che sembrava una novità assoluta si sia evoluta sino allo stato attuale. Parlo di Google Earth, giunta ad un livello di interattività sorprendente. Il detto "il mondo in una mano" ora trova veramente riscontro in questo fantastico programma reso gratuito da Google a tutti gli internauti.
Le novità dalla versione 4.x all'attuale non mancano: tra le prime la possibilità di osservare il fondo degli oceani, la comparazione (tramite foto) dello sviluppo territoriale di una data zona nel corso degli anni, ancora la possibilità di poter registrare ciò che stiamo vedendo.
Anche per questa nuova versione l'installazione su Ubuntu funziona a meraviglia. Non essendo ancora (al momento) disponibile nei repository di Medibuntu, occore eseguire il download dal sito ufficiale.
Il file ha il nome GoogleEarthLinux.bin. Per installarlo dobbiamo dargli i permessi di escuzione, cliccando col tasto destro su di esso, scegliendo Proprietà -> Autorizzazioni  e spuntando la voce "Consenti l'esecuzione del file come programma".
A questo punto da console:
sudo ./GoogleEarthLinux.bin
A fine installazione lo troveremo sotto Applicazioni -> Internet -> Google Earth.
Buon viaggio sul pianeta azzurro... gancjo...

Ci siamo: pochi giorni e l'ora di San Valentino scoccherà puntuale. Noi poveri "ometti" siamo già pronti con le mani al portafoglio per l'acquisto del regalo "dell'ultimo minuto" o per la classica cenetta romantica. Ma anche per il gentil sesso la festa non passa senza la ricerca del regalo più giusto ed originale, per poter stupire il proprio partner...
Il bisogno di "qualcosa di nuovo" può anche essere soddisfatto elettronicamente, ad esempio utilizzando il programma SmileBox, che già dal nome dice tutto.
SmileBox è gratuito e ti permette di creare schede personalizzate con tue foto e disegni per tutti i tipi di occasioni. Inoltre SmileBox ti permette di aggiungere video, musica e testo per il tuo post e condividerli via e-mail, blog oppure stamparli.
In occasione della festa degli innamorati, il sito mette a disposizione oltre 50  disegni dedicati.
Il programma può essere usato liberamente previa registrazone gratuita al sito. 
Buon San Valentino a tutti... gancjo...

Nell'universo internet, dove tutto è possibile, si è sempre alla ricerca di siti dove poter fare quello che abbiamo in testa in modo semplice e soprattutto veloce. Non sempre si riesce ad ottenere un buon risultato, poichè ciò che cerchiamo certamente esiste, ma malauguratamente (non sempre...) i fini per ottenerlo sono diversi e sconosciuti.
Detto questo, che visto così può sembrare un monte insormontabile, vado a sgretolarele rocce che lo avvolgono per dire che per fortuna c'è sempre qualche anima buona che si prodiga a segnalare siti utili senza far diventare matto il prossimo.
Quindi, se ad esempio avete bisogno di un avatar o di un'icona, potete usare il servizio messo a dispposizione da Icon Maker, piccolo sito senza troppe pretese, ma certamente funzionale. Collegatevi, caricate l'immagine desiderata, scegliete quello che desiderate (avatar, gif animata, emoticon, ecc...) e lanciate la creazione. Pochi secondi e l'immagine sarà pronta per essere salvata con il tasto destro del mouse.
Più veloce di così!...

Da più parti si lamenta la penuria dei giochi per Linux, nonostante i notevoli sforzi che si stanno facendo nel creare titoli che possano essere degni di nota. Chi è abituato a giocare con Windows e lo vuole fare anche con Ubuntu può utilizzare l'ormai famoso Wine, accoppiandolo con l'ultima versione delle directX.
Per avere quest'ultime occorre usare WineTricks. Come al solito conviene lavorare da terminale.
Installare Wine:
sudo apt-get install wine
Installare WinTricks:
wget http://www.kegel.com/wine/winetricks
Installare directX:
sh winetricks directx9
Con quest'ultimo comando partirà l'installazione; abbiate solo l'accortezza di accettare tutto quello che vi viene proposto ed alla fine avrete tutto installato.
Riavviate il sistema, inserite il CDROM del gioco preferito, installate e giocate... gancjo...

Condividere foto senza bisogno di account

Scritto da Massimo Ferraris domenica 8 febbraio 2009 0 commenti

In questo periodo buio, dovuto al trasloco, cerco di emergere usufruendo della linea ADSL di amici e parenti. La mia richiesta di una nuova utenza sta andando per le lunghe e perciò mi vedo costretto a rallentare l'inserimento di articoli e la conseguente cura del blog. Ringrazio tutti quelli che con messaggi mi esortano a non mollare (DarkMaster in testa...), e posso dirvi che non è assolutamente mia intenzione. 
Placo quindi la sete di notizie con la segnalazione di un sito particolarmente utile adatto allo scambio di immagini: TROOVI .
Questo utile portale permette l'inserimento di foto, anche di alta risoluzione, usando un URL accessibile a tutti quelli che riteniamo volere farne parte. Nella versione free il numero massimo di file caricati non può superare i 100, mentre esiste una versione Premium a pagamento ad uso illimitato.
Nella versione libera la permanenza sull'URL delle foto è di 30 giorni, più che sufficienti per uno scambio tra amici.

La ricerca spasmodica di files...

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 4 febbraio 2009 0 commenti

... come sempre viene soddisfatta dalla rete. Siti come 4shared, megaupload o rapidshare offrono ogni "bendidio" ai navigatori interessati, ma non sempre la ricerca è veloce o sicura. Nascono quindi per questo motori di ricerca specializzati nella scansione dei principali "serbatoi", fornendo dati non sempre attendibili, ma quanto meno un po' più verificati.
Ennesimo nato della famiglia è RAPIDZEARCH, dalla grafica come al solito "googleggiante", veloce nella ricerca e piuttosto sicuro nei risultati.
L'unica pecca è quella di non dare la dimensione del file, utile per renderci conto se quello che andiamo a prelevare non sia un fake.

Un font molto personale

Scritto da Massimo Ferraris martedì 3 febbraio 2009 0 commenti

Una delle cose che più che altro caratterizza il nostro PC è la cura che mettiamo nel renderlo parte di noi stessi e dell'ambiente che ci circonda. Non più una semplice macchina, bensì quasi un'estensione corporea da abbellire con foto (nostre), video (nostri), musiche (quasi mai nostre...) e quant'altro ci viene in mente.
Perchè allora non renderlo ancora più "personale" usando i nostri caratteri stampatello scritti a mano? Tutto questo è possibile grazie a YourFonts, un sito che passo-passo ci aiuta nella creazione. La guida per punti (in lingua inglese) ci spiega tutto, ma proprio tutto, dalla scrittura su un foglio prestampato, alla scansione, sino all'installazione sul sistema.
A questo punto non potrete più dire "questo non l'ho scritto io!"... gancjo...

E se vuoi anche in

Statistiche

Iscriviti ai feed

puoi farlo anche via email:

Delivered by FeedBurner

Scrivi a gancjo

Translate this blog

parola di gancjo in...
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Lettori che mi seguono

Antipixel