• TWJTTER
  • TWJTTER

Follow me...


Avvertenze

Parola di gancjo non puo’ considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

L’ Autore non ha alcuna responsabilita’ sui contenuti dei siti in collegamento, sulla qualita’ o correttezza dei dati. Egli si riserva la facolta’ di rimuovere le informazioni, fornite da terzi, ritenute offensive o contrarie al buon costume.

Le immagini sono correlate agli argomenti di cui si scrive. Alcune, sono provenienti da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora i soggetti proprietari fossero contrari alla pubblicazione non dovranno far altro che segnalarlo in modo da poter procedere ad una rapida eliminazione.


Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Post più popolari

La sottile arte del Colorismo

Scritto da Massimo Ferraris domenica 1 marzo 2009
I colori hanno un ruolo importante nella nostra vita, sin dal momento della nascita. Caratterizzano i nostri gusti in fatto di vestire (dark oppure hippy...), di scegliere il compagno della nostra vita (biondo/a, moro/a, rosso/a...) e in special modo i gusti nel mangiare (i bambini odiano il verde, perchè legato alla verdura...). Insomma, per qualsiasi scelta importante c'è sempre un colore di fondo che ci accompagna, anche se non ce ne accorgiamo.
Io ad esempio amo il verde, in tutte le salse (e quindi anche le verdure...) e cerco di avere qualcosa che sfuma in quella tinta nelle cose che mi circondano.
Provate un po' a pensarci: sicuramente tutti voi avrete un colore preferito e se proprio non riuscite ad individuarlo vuol dire che siete persone positive e che vi piacciono tutti indifferentemente (non lo dico io, ma eminenti studiosi...).
Quindi è normale che dietro a questo "arcobaleno" nascesse una corrente di studio chiamata "colorismo", che per qualche ragione che mi sfugge, ma che non ho voglia di indagare oltre, lega il nostro nome e data di nascita ad un colore. Sul sito di Colourism basta inserire i dati ed avrete in tempo reale il colore a voi associato, con tanto di codice per poterlo individuare nella miriade di sfumature.
Ho provato, sperando nel verde, o almeno nell'azzurro (altro colore che prediligo), invece ne è uscito fuori un viola "nonsodichesfumatura" abbastanza triste. Certamente un colore che non mi piace e che mai userò (pensate una maglietta così...)!

0 Commenti per: La sottile arte del Colorismo

Altri post correlati

E se vuoi anche in

Statistiche

Iscriviti ai feed

puoi farlo anche via email:

Delivered by FeedBurner

Scrivi a gancjo

Translate this blog

parola di gancjo in...
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Lettori che mi seguono

Antipixel