• TWJTTER
  • TWJTTER

Follow me...


Avvertenze

Parola di gancjo non puo’ considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

L’ Autore non ha alcuna responsabilita’ sui contenuti dei siti in collegamento, sulla qualita’ o correttezza dei dati. Egli si riserva la facolta’ di rimuovere le informazioni, fornite da terzi, ritenute offensive o contrarie al buon costume.

Le immagini sono correlate agli argomenti di cui si scrive. Alcune, sono provenienti da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora i soggetti proprietari fossero contrari alla pubblicazione non dovranno far altro che segnalarlo in modo da poter procedere ad una rapida eliminazione.


Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Post più popolari

Ubuntu: un database per le password

Scritto da Massimo Ferraris domenica 29 marzo 2009

Navigare in rete comporta sicurezza e la sicurezza viene garantita dalle passwords. Non ci piove, quando vogliamo essere certi che i nostri dati siano al sicuro, oppure accediamo a siti che per poterci abilitare chiedono i nostri dati, l'unica possibilità è quella di creare un account, che si tramuta in nome utente e password.

Ovunque ci viene consigliato di non usare mai gli stessi dati, poiche anche se èpassword_star più semplice ricordarseli chi se ne dovesse appropriare avrebbe strada libera ovunque...

Di norma io uso sempre lo stesso nome utente, ma passwords sempre diverse. Ammetto che la quantità aumenta quotidianamente, anche perchè scrivendo post su un determinato argomento devo per forza provare il sito. Se si tratta di  qualcosa che mi serve momentaneamente ho creato un account sempre uguale, questo perchè dubito che in futuro ci possa ritornare. Ma quando mi iscrivo a servizi importanti (Ebay, Facebook, Flickr, ecc...) cerco sempre di creare una password "ad hoc".

Un rapido calcolo mi ha fatto scoprire che dispongo di circa una trekeepassx ntina di combinazioni diverse, molte delle quali ricordo perfettamente, mentre altre (l’età avanza…) meno. Per fortuna esiste la possibilità di recuperarle tramite l’inserimento dell’indirizzo e-mail, ma non sempre è un servizio veloce. Ad esempio provando ad accedere ad un sito di hosting, dopo alcuni mesi di assenza, e non ricordando la password, ho usufruito del recupero. Le immagini che cercavo “mi servivano” per lavoro e “mi servivano” subito"! La risposta mi è arrivata immediatamente, ma conteneva il messaggio che per accedere dovevo inserire nuovi dati. Digitazione frenetica, invio e messaggino che recitava “la sua richiesta è stata salvata correttamente. Il nuovo account sarà disponibile nelle prossime 24 ore… AHHHHHH!!!

Quindi lavoro perso, impegno rimandato, arrabbiatura mia e di chi ne aveva bisogno e maledizione contro alcuni servizi internet.

Per non rischiare di andare in giro con la “lista della spesa” in tasca, esistono molte alternative per non perdere un accesso. Utilizzando Ubuntu si può installare KeePassX 0.4.0, un’applicazione molto interessante e dall’affidabilità garantita. Disponibili i pacchetti .deb per le due versioni (32 e 64 bit) scaricabili da questi link

keepassx_0.4.0-0_amd64.deb

keepassx_0.4.0-0_i386.deb

Ma se vi sentite più sicuri annotando i dati su un bigliettino da tenere nel portafoglio, almeno cercate di cammuffare (criptare…) i dati inseriti, senza mettere in alto la scritta “MIE PASSWORD PERSONALI”!… gancjo…

Etichette: , , | edit post

0 Commenti per: Ubuntu: un database per le password

Altri post correlati

E se vuoi anche in

Statistiche

Iscriviti ai feed

puoi farlo anche via email:

Delivered by FeedBurner

Scrivi a gancjo

Translate this blog

parola di gancjo in...
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Lettori che mi seguono

Antipixel