• TWJTTER
  • TWJTTER

Follow me...


Avvertenze

Parola di gancjo non puo’ considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

L’ Autore non ha alcuna responsabilita’ sui contenuti dei siti in collegamento, sulla qualita’ o correttezza dei dati. Egli si riserva la facolta’ di rimuovere le informazioni, fornite da terzi, ritenute offensive o contrarie al buon costume.

Le immagini sono correlate agli argomenti di cui si scrive. Alcune, sono provenienti da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora i soggetti proprietari fossero contrari alla pubblicazione non dovranno far altro che segnalarlo in modo da poter procedere ad una rapida eliminazione.


Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Post più popolari

Ubuntu: disabilitare il blocco dello schermo

Scritto da Massimo Ferraris giovedì 3 novembre 2011 0 commenti


Per chi lavora col portatile e deve essere subito pronto all'accesso al sistema, la fastidiosa richiesta di password quando ubuntu entra in sospensione o ibernazione può essere un fastidioso problema. Certo, questo è una sicurezza per l'utente che lavora in un ambiente accessibile da altri e che vuole i propri dati sotto protezione, ma può essere inutile per chi non ha grossi segreti da nascondere.
Prima della versione 11.10 il problema si poteva ovviare tramite l'impostazione del pannello di GNOME, mentre in questa versione tale comando è sparito, e l'unica soluzione è la riga di comando.
Aprite quindi il terminale e digitate:
gsettings set org.gnome.desktop.lockdown disable-lock-screen 'true'
Se un domani desiderate ritornare al blocco schermo, basterà cambiare 'true' in 'false' tramite il comando:
gsettings set org.gnome.desktop.lockdown disable-lock-screen 'false'

A Natale regalatevi il Commodore 64

Scritto da Massimo Ferraris 3 commenti


Vi ricordate (voi che ormai girate con i capelli bianchi, come il sottoscritto...) il glorioso e mitico Commodore 64, il computer che la generazione anni '80 sognava di trovare sotto l'albero? Ebbene, dopo 30 anni il C64 torna tra noi, del tutto identico all'originale, sotto tutti i punti di vista, a parte qualche piccolo particolare interno. Infatti si tratta in tutto e per tutto di un vero e proprio pc moderno, con processore Intel Core i7 da 2.2 GHZ, hard disk da 2 TB, 5 porte usb 2.0, 2 porte usb  3.0, masterizzatore DVD, lettore card reader, uscite VGA e HDMI.
Insomma, una scatola antica piena di tanta modernità che sicuramente renderà felici gli acquirenti; unica nota dolente il prezzo, che in America viene venduto a 1499 dollari. Ma si sa: la passione non ha prezzo... gancjo...

Una app per deformare i visi

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Per tutti quelli che non possono più fare a meno dell'iPhone, oltre che a telefonare (ma questa ormai è una ridicola opzione...) ci sono app che ci regalano momenti di svago. Una in particolare che mi diverto ad usare con familiari ed amici è stata creata dal famoso gruppo di programmatori che anni or sono hanno dato vita al sito di Pho.to. L'app in questione si chiama AR pho.to cartoonizer  e si occupa di trasformare i visi fotografati tramite 14 filtri che rendono la fisionomia grassa, magra, allungata, ristretta, ecc... 
Niente di nuovo sotto il sole, direte voi, e tanto torto non vi do, ma l'accuratezza dei filtri applicati riescono a distinguerla da altre app simili.
Il tutto è gratuito e prelevabile dall'App Store.  

Un bellissimo esempio di illusione ottica

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 24 agosto 2011 0 commenti

Quando l'ho visto per la prima volta non ci potevo credere. Conoscevo l'illusione della scacchiera in forma grafica, ma mai avrei pensato che qualcuno volesse provare a costruirla veramente.
Guardate il video, ne vale la pena.



Nel corso degli anni Microsoft ha apportato notevoli ritocchi all'interfaccia grafica dei propri sistemi operativi. Chi si trova a lavorare con Vista o XP per la prima volta si troverà particolarmente spiazzato nel cercare nel menù start la vecchia composizione del menù con i vari Programmi, Documenti e Settings. 
Giuro che le prime volte non ci ho capito nulla, testardo com'ero a cercare le stesse icone e gli stessi menù di XP, ma poi mi sono abituato ed ho imparato a "digerire" il nuovo SO.
Ma i nostalgici non si arrendono e pretendono di avere le loro "cosine" al posto giusto, specialmente se si tratta di persone che mal si abituano alle novità. Sono gli stessi che escono di testa quando al supermercato fanno un restyling e cambiano la disposizione della merce negli scaffali. Dio strafulmini quei poveretti di commessi che tanto hanno osato...
Ma siccome al supermercato prima o poi sono obbligati ad abituarsi, per il pc l'avversione rimane più radicata, tanto che ha spinto alcuni programmatori a correre in loro aiuto creando la suite di applicazione chiamata Classic Shell. In questo modo chi si trova a lavorare con 7 potrà, una volta installato, tornare alle vecchie abitudini e ritrovare le icone perdute... gancjo...

Un avatar per Google+

Scritto da Massimo Ferraris martedì 23 agosto 2011 0 commenti


"Social che viene, avatar che nasce", così cita un antico adagio che ci ricorda che se in rete vuoi essere riconosciuto, occorre che nel luogo in cui ti trovi ti adegui al contenuto. Ovvero, non basta avere il proprio "santino" nel profilo, ma occorre anche "griffarlo", per evitare di confondersi e di confondere.
GPlusify nasce con l'intento di creare un avatar per Google+ a prova di errore. L'immaginetta di gancjo che vedete qui sopra è stata fatta con il programma in questione. 
Se vi piace non vi serve altro che possedere su hard disk una foto e lasciare che il sito, dopo l'upload, vi fornisca l'avatar nuovo di zecca pronto da inserire nel profilo in Plus.


E' inutile che quando ci troviamo a dover modificare delle foto e la ricerca su Google ci fornisce un elenco di software free, le descrizioni fanno sempre riferimento a Photoshop citando che quello trovato "... è un'ottima alternativa...". Di Photoshop ce n'è uno solo e sebbene difficile da usare per i "poveri mortali" resta comunque il software di fotoritocco per eccellenza.
Per chi si accontenta, e preferisce non mettere mano al portafoglio, di alternative ne trova un sacco, ma non tutte con le caratteristiche desiderate.
Un buon compromesso in fatto di uso, dotazione e resa è Zoner Photo Studio Free, software di fotoritocco con il quale poter eseguire gli interventi di base, sia in manuale che in automatico (in questo caso dal risultato soddisfacente) e dotato di strumenti che si spingono sino alla creazione di brochure, calendari e foto 3D.
Una volta installato può essere anche usato come alternativa al classico visualizzatore di Windows. Altra caratteristica è la possibilità di creare album di foto, partendo dalla scansione di cartelle da noi indicate al programma.

Restare in contatto con gli amici

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Con questo tipo di servizio, al titolo aggiungerei anche "... in modo morboso"! Si, perchè l'applicazione StayInTouch è una sorta di reminder che ci avvisa su quanto tempo non ci mettiamo in contatto con i nostri amici, "bacchettandoci" nel caso siamo recidivi all'invio di messaggi. Nato con l'idea di ricordare appuntamenti ed anniversari si è trasformato in un "caporale" a cui non sfuggono tempi e nomi di chi condivide con noi la passione per i social network.
Si sa, c'è chi gradisce essere "pensato" ogni cinque minuti, altrimenti si rischia di perdere il saluto, ma anche chi ha bisogno ogni tanto di essere ricordato, per non rischiare di vederlo in giro con il "muso" abbacchiato.
Disponibile per iPhone e Android sul sito, che ci rimanda ai vari "market".


Non possiamo proprio farne a meno, anche quando siamo in giro lontano dal pc dobbiamo rendere partecipe "l'umanità" di quanto ci frulla per la testa. E quindi fuori di tasca il telefonino (ops, smartphone...) che sia iPhone o Android e via con l'accesso a facebook. 
Tra le tante apps create intorno al noto social network vi segnalo Facebook Messenger, dall'uso veloce e molto intuibile, che permette l'invio di messaggi verso i vostri contatti nel modo che usereste per scrivere un SMS. 
Da provare, in attesa di novità più evolute.

Videochattare in modo random

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Alcuni programmatori si sono inventati un modo tutto nuovo di chattare, mettendo un pizzico di novità nel noioso modo di passare il tempo (non per tutti...) davanti alla webcam. Hanno voluto dare la possibilità di conoscere gente nuova randomizzando l'accesso alla rete tramite il proprio sito: RandomChat.me.
Non occorre registrarsi ed immediatamente, cliccando sul pulsante START CHATTING, si avvia la connessione sotto forma di due finestrelle affiancate, dove in una ci sarete voi, mentre nell'altra, dopo un periodo di attesa più o meno lungo, il vostro nuovo amico.
L'unico problema è che non è detto che la controparte sia italiano, oppure di età simile alla vostra, o ancora un tipo o tipa da calendario. Vi prendete un po' quello che viene....
Tutte le connessioni sono monitorate dai curatori del sito, in modo da interrompere eventuali comportamenti scorretti.

Inviti per Google plus

Scritto da Massimo Ferraris domenica 21 agosto 2011 0 commenti

Mi sono appena iscritto alla nuova "social-creatura" di Google e, come premio, mi è stata concessa l'opportunità di poter invitare altri 150 amici (o semplici conoscenti...) al progetto.
Chi ha voglia di iniziare l'avventura, magari chiedendomi poi l'amicizia, o meglio, mettendomi nella sua "cerchia", parola con cui Google definisce le aree di persone affini, è ringraziato anticipatamente.
Per usufruire dell'opportunità basta cliccare sull'immagine sottostante... gancjo...


Recuperare dati con Redo

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti



Backup & Recovery Redo è una distribuzione Linux che ha lo scopo di eseguire un backup del disco rigido e compiere altri interventi di manutenzione e recupero. 
Alcune delle sue caratteristiche sono:
  • Non richiede installazione,ma si esegue da CD o USB.
  • Interfaccia grafica friendly.
  • Caricamento in meno di un minuto.
  • Fa backup e ripristino sui dischi / partizioni di Windows e Linux.
  • Trova automaticamente tutte le cartelle condivise su una rete LAN e permette di salvare o ripristinare file.
  • Possibilità di modificare o recuperare i file.
  • Recupera i dati cancellati.
  • Accesso ad internet durante l'esecuzione.
  • Solo 200 MB di peso.
L'ultima versione stabile, in ordine di tempo, è la 10.1.

Guidare un'auto su Google Maps

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Per chi ha voglia di fare un giro in auto per le highways americane, oppure tra il traffico di grandi città come New York, Milano o Tokyo ora lo può fare senza muoversi di casa. Basta avere un account Facebook e cercare l'applicazione Mini Maps, dopodichè si è pronti a guidare la piccola Mini (lo sponsor) per tutto il pianeta.
Il giochino di per sè è piuttosto semplice, ma ben fatto. Infatti le strade sono delimitate virtualmente da linee azzurre che impediscono di procedere dove un'auto non potrebbe circolare (sopra ai palazzi, sugli alberi, nei fiumi, ecc...), testando le nostre capacità di guida. Ma non finisce qui: le opzioni sono parecchie, come ad esempio l'accensione dei fari quando si viaggia su mappe scure, la possibilità di sfidare altri amici che utilizzano la stessa applicazione per gare di guida. Il tutto, come al solito, "a gratis".
Guidare per credere... gancjo...


Ma dove vivano i miei contatti Twitter? Ve lo sarete chiesti sicuramente più di una volta. Perchè un certo Mr.Smith si prende "la briga" di volerci seguire anche se dal cognome non è certo un abitante della penisola? Piccole curiosità che sono facili da soddisfare, poichè esiste un sito fatto apposta per questo: Twocation.
Accedendo e fornendo i dati di accesso a Twitter, nel giro di pochi secondi ci compare la mappa mondiale, con evidenziati i paesi di appartenenza dei contatti.
Si può scegliere di restringere il campo per continenti e nel riquadro in basso ci compare una lista completa degli stati con accanto la percentuale.
Tutto questo grazie al lavoro di un illustre sconosciuto, David Barker.

Un integratore di social in Chrome

Scritto da Massimo Ferraris 2 commenti


Dalla mente geniale di programmatori italiani (cmipservice.it) nasce un integratore di social network da associare a quello che diventerà il più blasonato del momento, e cioè Google+.
Gooce + è una estensione di Google Chrome che ci permette di unificare Facebook, Twitter e LinkedIn nella pagina di Google + , cosa che sarà senz'altro gradita da tutti i "maniaci" delle rete sociali.
Avere sotto mano "all in one"semplifica notevolmente l'accesso a messaggi, chat e condivisioni.
Tutto quello che devi installare è l'estensione dal Web Chrome Store, quindi selezionare i servizi che si desidera attivare cliccando sul pulsante che ognuno avrà accanto al profilo.
L'estensione è disponibile anche per Firefox, scaricabile sempre dal sito degli autori.
Qui sotto potete vedere il funzionamento in video.



I linguaggi di programmazione sono, il più delle volte, ostacoli insormontabili per chi si accinge ad affrontarli. Capire in modo semplice e veloce ad esempio JavaScript e cercare di lavorarci non è operazione da tutti, anche perchè al giorno d'oggi si ha sempre fretta e perdere tempo ad infilarsi "nella zucca" nozioni complicate è cosa da pochi eletti...
Ma la rete ci viene in aiuto e ci propone CodeAcademy  un sito web per imparare a programmare in JavaScript.
Il sito  è organizzato in sezioni, per imparare ad orientarci nella miriade di opzioni disponibili legate ai siti web, applicazioni desktop, ecc, in modo da poter scegliere quello che ci interessa. Presente anche l'opportunità di contattare amici per imparare con loro e vedere i loro progressi in ciascuna delle lezioni che il sito propone.
Nessuna registrazione richiesta: CodeAcademy è totalmente gratuita e ci permette di osservare nel tempo i progressi svolti.

Ubuntu: come installare Google Earth 6

Scritto da Massimo Ferraris lunedì 21 febbraio 2011 1 commenti


Quando si hanno pochi soldi in tasca, ma tanta voglia di visitare il mondo, ricorrere alla rete è il metodo più economico per viaggiare. Tra i miei preferiti (da sempre) spicca Google Earth e il suo infinito database di immagini.

Un giretto per le strade di New York o una "capatina" sotto la Tour Eiffel, magari passando per il Colosseo, richiedono pochi minuti e ti rendono felice. Certo, prendere l'aereo e respirare i luoghi dal vivo è tutt'altra cosa...

Sul mio Ubuntu mi sono istallaato la versione 6 e devo dire che funziona alla grande. Per poterla avere anche voi dovrete eseguire questi semplici passaggi da terminale:

sudo apt-get install googleearth-package

make-googleearth-package --force

A questo punto partirà la generazione del pacchetto in formato .deb installabile con doppio click. Attenzione però: prima di fare questo dovete essere sicuri che nel sistema sia presente la libreria lsb-core. Potete installarla con:

sudo apt-get install lsb-core

A lavoro ultimato troverete il lanciatore dell'applicazione in Applicazioni> Internet> Google Earth
Buon viaggio... gancjo...

Voglia di papercraft

Scritto da Massimo Ferraris domenica 20 febbraio 2011 2 commenti

Molti "vecchi lettori" sono a conoscenza della mia passione per il papercraft, ossia quella particolare tecnica che permette di creare figure 3D di oggetti partendo dal foglio di carta stampato. Con l'avvento dei programmi di modellazione si è assistito ad un "parco" di progetti sempre più sofisticato che spazia dalle semplici forme geometriche a complicate ricostruzione di ambientazioni e caratterizzazioni.

Trovare in rete simili "delizie" non è difficile, ma se si cerca qualcosa di sofisticato le ricerche iniziano a farsi ardue. Vi segnalo, tanto per soddisfare la voglia di papercraft, alcuni siti dai contenuti medio-alti. Alcuni progetti sembrano impossibili, come ad esempio la creazione di personaggi dei fumetti o la realizzazione di modellini di auto e moto, ma tutti sono ben spiegati passo-passo e facilmente (?...) realizzabili. Basta avere a portata di mano una stampante a colori, un paio di forbici ben affilate e un tubetto di colla. Il resto è una grande, immensa e sacrosanta pazienza... gancjo...

PAPERTOYS

CANON

PAPERKRAFT

PAPERMODELZ

 

Linux e Apple, un connubio non sempre idilliaco. Il continuo sviluppo di software e hardware della "mela" mette continuamente a dura prova le capacità degli sviluppatori per restare al "passo coi tempi".

Anche la semplice conversione dei file video può essere un problema, ma che ora sembra essere stato risolto. Furius iConverter è uno strumento di semplice utilizzo che aiuta l'utilizzatore nella conversione di  filmati pronti da far "digerire" dagli apparecchi Apple di ultima generazione.

Per l'utilizzo è richiesta l'installazione dell'ultima versione di ffmpeg, scaricabile dai repository Medibuntu. Una volta fatto basta prelevare il pacchetto già pronto per Ubuntu ed installarlo con un doppio click.

Pianisti online si diventa

Scritto da Massimo Ferraris lunedì 31 gennaio 2011 1 commenti

Suonare uno strumento è qualcosa di altamente gratificante. Riuscire a riprodurre, con le proprie mani, un pezzo musicale è qualcosa che appaga lo spirito e la mente. Ma la strada per arrivare a certi livelli è lastricata di sudore, fatica, applicazione e... soldi! Certo che se si vuole imparare seriamente un maestro è d'obbligo, per tutta una serie di motivi, primi tra i quali la sicurezza di imparere (sbagliando...) e la riuscita.

Chi invece, come me, è bravissimo a suonare il campanello del citofono e si ritrova tra le "cianfrusaglie" accatastate in solaio una tastiera acquistata anni fa in un periodo "Mozartiano", poi ceduta al figlio per uso didattico e quindi finita nuovamente nel dimenticatoio, capita "a fagiolo" un sito che permette visivamente di imparare a "strimpellare" la tastiera: OnLinePianist.

Il sito è nato con l'intento di creare una sorta di data base di pezzi musicali, divisi per ordine alfabetico o per tipo di musica. Sono gli utenti stessi ad arricchire il repertorio uploadando nuove canzoni. L'uso è semplice: scovato il motivetto ci viene proposta una tastiera, dove parte immediatamente il suono evidenziando i tasti da premere. E' possibile scegliere di visualizzare la melodia, l'accompagnamento o entrambi.

Quindi che aspettate: pianisti online si diventa... gancjo...

Ho notato che, dopo aver raggiunto un certo numero di amici, su Facebook iniziano a circolare foto di cui non sappiamo nemmeno dell'esistenza, nelle quali siamo taggati a nostra insaputa. Difficile avere una traccia certa per poterle prelevare senza un "aiutino esterno". Santa rete!, sempre lei in nostro soccorso, grazie alle milioni di utility presenti che spaziano "per ogni dove"... Pick&Zip è una di queste, comoda perchè fà tutto da sola e veloce perchè basta inserire i dati di accesso a facebook, senza dover perdere tempo in noiose registrazioni, per poter funzionare.

L'applicazione esegue una scansione e mostra tutte, ma proprio tutte, le foto, sia che facciano parte dei nostri album e sia di quelle di conoscenti o semplici sconosciuti (che però sono sicuramente amici di amici e parenti...). Finito lo "sporco lavoro" possiamo decidere se salvare il tutto in blocco in formato pdf o zip, oppure fare una "cernita" e memorizzare in locale quello che abbiamo scelto.

Una nuova barra per Youtube

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Arricchire il proprio blog con qualcosa di nuovo può essere una marcia in più verso il successo dello stesso. Se per caso avete una pagina personale in cui condividete parecchi video prelevati da Youtube e volete dare un servizio in più, potete utilizzare l'utility fornita da EmbedPlus.

Questa crea una barra ulteriore sotto i pulsanti tipici del video, aggiungendo alcuni comandi interessanti, quali ad esempio la possibilità dello slow motion, l'annotazione di testo, la condivisione sui social network e lo zoom mirato a particolari zone del video.

Il progetto è in fase iniziale e non si segnalano bug. In futuro ( a detta degli autori) si avranno nuove funzionalità, all'insegna del "tutto gratis"... gancjo...

Tutti i migliori template blogger del 2010

Scritto da Massimo Ferraris domenica 30 gennaio 2011 0 commenti

I migliori template 2010

Il sito Blogger Buster, uno dei migliori e più specializzati "luoghi" al mondo dove trovare materiale per arricchire e "manipolare" il proprio blog, ha pubblicato un post nel quale ha raccolto i migliori template freeware utilizzabili da chi, come me, usa la piattaforma Blogger. Lo ha fatto senza dividerli per categoria, ricchezza di contenuti o standard qualitativi, ma solamente ha sfornato un elenco (completo di miniature) di ben 100 temi differenti. Sotto ad ognuno ha inserito i pulsanti di preview e di download. Molti di essi sono sicuramente "stucchevoli" e ripetitivi, ma una buona parte non manca di originalità e freschezza di idee.

Tutti i template sono stati pubblicati durante l'anno 2010 e quindi da ciò si capisce bene quanto Google abbia dato vita ad una piattaforma seguitissima (ed affidabile...) capace di attirare artisti e designer. Per chi volesse dare un tocco nuovo, "glamour" o professionale al proprio blog vada a dare un'occhiatina e non manchi di prelevare.

Lontano dal blog...

Scritto da Massimo Ferraris 1 commenti

Mi rendo conto che due mesi sono tanti; due mesi, intendo, senza scrivere neppure una riga in Parola di gancjo. Non che mi manchino le idee, oppure la voglia di scrivere, quelle rimangono immutabili, ma tante sono le cause che mi hanno allontanato. Prima tra tutte il lavoro (classica piaga capace di renderci infelici e vuoti...), poi la volontà di dover a tutti i costi "fare dopo" una qualsiasi cosa (leggi scrivere qualche bel post...), ancora il dubbio che ciò che uno vuol raccontare è già stato scritto, riscritto e riciclato da mille altri blog (ah beh!, allora...).

Oggi mi sono messo davanti al portatile, ho inserito Ubuntu 10.10, l'ho installato e dopo aver fatto partire Chromium ho caricato l'estensione ScribFire (disponibile anche per Firefox, ma su Chromium mi piace di più e non ha la cattiva abitudine di cancellare porzioni di video quando muovo la barra laterale...). Ed ora eccomi qua, con un blog che mi ha accompagnato negli ultimi tre anni e che non ho intenzione di mollare. 

Quello che cambierà all'interno del blog saranno proprio i post. Ho intenzione di continuare con articolo legati al mondo Ubuntu, la presentazione di web applications ed informativa software ed hardaware, ma ho anche voglia di scrivere d'altro, che esuli totalmente da questi argomenti, ma che possa essere utile ed informativa.

Lontano dal blog... non si può stare... gancjo...

E se vuoi anche in

Statistiche

Iscriviti ai feed

puoi farlo anche via email:

Delivered by FeedBurner

Scrivi a gancjo

Translate this blog

parola di gancjo in...
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Lettori che mi seguono

Antipixel