• TWJTTER
  • TWJTTER

Follow me...


Avvertenze

Parola di gancjo non puo’ considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

L’ Autore non ha alcuna responsabilita’ sui contenuti dei siti in collegamento, sulla qualita’ o correttezza dei dati. Egli si riserva la facolta’ di rimuovere le informazioni, fornite da terzi, ritenute offensive o contrarie al buon costume.

Le immagini sono correlate agli argomenti di cui si scrive. Alcune, sono provenienti da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora i soggetti proprietari fossero contrari alla pubblicazione non dovranno far altro che segnalarlo in modo da poter procedere ad una rapida eliminazione.


Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Post più popolari

Gcipher, un tool di cifratura in Ubuntu

Scritto da Massimo Ferraris lunedì 31 marzo 2008 0 commenti

Il programma si occupa di crittografare i dati sensibili degli utenti, tramite semplici algoritmi di cifratura, quali ad esempio ROT13, Cesare, Vigenère, ecc. Il metodo di crittografia non è invasivo, ma comunque il creatore ne sconsiglia l'uso su dati personali di una certa importanza.
L'installazione è come al solito possibile tramite Synaptic, oppure da riga di comando, dogitando:
sudo aptitude install gcipher
Una volta installato, è possibile usare una certa serie di comandi, nella forma
gcipher [CIPHEROPTIONS]… [INPUT] [OUTPUT]
Per i meno esperti esiste comunque l'applicazione GUI (in forma grafica), raggiungibile tramite Applicazioni -> Accessori -> Gcipher
Nell'esempio seguente è possibile vedere il risultato finale con un tipo qualsiasi di algoritmo.

Origami: cane in barca

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti



Gli origami sono un'arte stupenda, capace di rilassare e dare grosse soddisfazioni. Evito sempre di provare progetti impossibili, perchè in questo caso il senso di relax si trasforma spesso in delirium tremens!... Questo bel soggetto, di una facilità estrema è realizzabile in poche mosse, partendo da un foglio che può essere bianco o con solo una facciata colorata. Una volta realizzato basta solo disegnare occhi, naso e colorare le orecchie, quindi metterlo sulla scrivania o sulla mensola nella cameretta dei bambini. Come sempre, buon lavoro!

SendAlong, ed invii email da 100 MB!

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


SendAlong è un servizio ottimo per inviare email con allegati del peso massimo di 100 MB. La particolarità di questo sito, non certo unico del genere, è l'affidabilità nell'invio dei dati, oltre ad altre caratteristiche, quali:

- Possibilità di inviare la stessa email a più persone contemporaneamente;

- Monitorare le mail inviate;

- Possibilità di aggiungere una password alle mail. In questo caso il programma di gestione invia un messaggio al solo destinatario con la password;

- Possibilità da parte dei destinatari di scaricare la posta sino a tre giorni dopo l'invio, senza perdita dei dati;

- Situazione aggiornata di invio e ricezione.


Questo è quello che offre la versione base, con la possibilità massima di 1 GB di banda mensile e l'invio dello stesso file a non più di 3 destinatari. Passando alle due versioni superiori a pagamento, la Personal e la Plus, si ha un aumento notevole delle possibilità. Potete dare un'occhiata qua.

HTML2PDF: un utile convertitore

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Htm2pdf è un convertitore HTML a PDF che consente di convertire pagine web in formato leggibile dal famoso programma di Adobe. È sufficiente digitare l'indirizzo della pagina (o fare copia incolla del codice html direttamente) e lanciare la conversione. Una volta fatto vi troverete la pagina salvata esattamente uguale all'originale.
Il programma funziona senza bisogno di registrazione e dà la possibilità di salvare il risultato finale. Altre opzioni, quali il salvataggio dei filmati in flash o la possibilità di rendere attivi i link presenti nel documento, sono opzionali.

PicBite, utile servizio di gestione immagini online

Scritto da Massimo Ferraris domenica 30 marzo 2008 0 commenti


PicBite è un servizio gratuito di immagini on-line. Basta caricare l'immagine dal disco, aggiungere testo e salvarlo, come nell'esempio qui sopra.
Verrà quindi mostrato un pannello, dal quale poter prelevare l'indirizzo URL dell'immagine, il codice HTML da usare nel vostro blog e altri utili funzioni.


BustaName ti aiuta a trovare i nomi di dominio disponibili sulla base delle parole chiave inserite. Inserisci le parole chiave che meglio descrivono il tuo sito web e BustaName si porterà dietro tutti i nomi di dominio disponibili in futuro utilizzando queste parole chiave. È possibile estendere ulteriormente la ricerca aggiungendo sinonimi, suffissi / prefissi, eliminando le vocali, ecc. Una volta che una lista di nomi di dominio è a disposizione puoi ordinarli per ordine alfabetico.

Copyscape, per trovare chi ti copia

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Copyscape è un utile strumento per trovare in rete altri blog, siti o forum che presentano gli articoli copiati per esempio dal tuo blog. Basta inserire l'indirizzo e dopo l'invio inizierà la scansione del web alla ricerca di copie esatte degli articoli. Un comodo strumento per trovare gente che "vive di rendita"!

Crea il tuo favicon personalizzato

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


I favicon sono quei simpatici disegnini che compaiono quando si accede ad una pagina web. Ognuno, in possesso di un blo o sito può personalizzarlo, tramite la creazione con questo programma, disponibile esclusivamente online. Provate a crearne uno su FAVION.CC.


Imo.im consente la condivisione di testo e video con i tuoi amici in chat-line. Sia che si tratti di qualcuno su GTalk, AIM, MSN o Yahoo si può inviare messaggi di testo o invitarli ad una video conferenza direttamente nella finestra del browser. Un'altra caratteristica utile è che si può avere gruppo di chat con gli amici provenienti da diverse reti. In altre parole, uno imo.im crea chat di gruppo in grado di ospitare persone provenienti da AIM, Google Talk e MSN Messenger allo stesso tempo.

SMS gratis al 100% !!!

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Nonostante la rete sia ormai diventato un luogo aperto a tutto ciò che è possibile ottenere gratuitamente, quello dell'invio degli SMS è diventato poco a poco un deserto. Ma comunque resistono ancora alcuni siti dove è possibile inviarli "a gratis".
Ve ne propongo uno che, udite udite, vi permette l'invio senza richiedere nessuna iscrizione. Unico "obbligo" è quello di cliccare sul link dello sponsor, dopo aver digitato il messaggio. Il messaggio in questo modo parte, e voi avete risparmiato 15 centesimi! Nonostante il sito dica che occorre un po' di tempo per l'invio, i tre messaggi che ho inviato sono arrivati quasi immediatamente.
Provate!... Ah, dimenticavo, il sito e questo... gancjo.

Papercraft: cornici per foto

Scritto da Massimo Ferraris sabato 29 marzo 2008 0 commenti

Se durante le feste di Pasqua avete scattato una bella foto, oppure avete un ricordo da incorniciare, potete pensare di creare da soli una cornice.
Quelle che vi presento hanno la particolarità di poter essere chiuse, e quindi anche ideali per un presente.
Cliccate sul nome per scaricare il soggetto pronto da stampare e completo di istruzioni. Il risultato finale è come quello nelle foto.

MACCHINA FOTOGRAFICA

PACCHETTO REGALO


SOGGETTO DRAGONE


PALCO DI TEATRO

SCATOLA DI LEGNO


Ubuntu: il problema dei driver open source

Scritto da Massimo Ferraris venerdì 28 marzo 2008 0 commenti


Forse a molti di voi è capitato di mettere il sistema in sospensione o ibernazione. Una volta che si cerca di fare il resume, la maggior parte delle volte il sistema non risponde oppure va in crash. Esiste per questo problema una soluzione di per se semplice, ma per nulla intuitiva. Bisogna procedere in questo modo:

- Premere Alt + F2 per entrare nel terminale, oppure passate da Applicazioni;
- digitare sudo gedit /etc /default /acpi-support;
- Scorrere il testo sino alla linea 17, dove compare la voce MODULES=" " e tra le virgolette mettere fglrx se usate una scheda ATI, oppure nvidia nel caso usiate una Nvidia.
- Salvare ed uscire.

In questo modo avete detto al computer di scaricare il driver video adatto quando cercherete di farlo uscire dalle due modalità (sospeso o ibernato). Ma può succedere che il sistema non vada ancora, oppure che si riavvii e la modalità 3D sparisca. In questo caso il disturbo può essere causato da Compiz e perciò conviene disattivarlo precedentemente. Insomma, una gran rottura di scatole!
Ma perchè tutto questo? Semplice, perchè le due più grandi case produttrici di schede video non si degnano di mettere a disposizione i driver per gli utenti Linux, forse credendoli non degni di considerazione.
Ma uno spiraglio da casa Ati sembra aprirsi, poichè a breve dovrebbe rilasciare i primi driver open source Linux come già ha fatto la Intel parecchio tempo fa. Da casa Nvidia ancora niente, ed è per questo che esiste in rete una lettera indizzata alla Nvidia, a firma di chi vuole far sentire la sua voce, con la quale si cerca di sensibilizzarne il rilascio.
Anche Nouveau, che si è prefissa l'ardito compito di creare driver su schede Nvidia per l'utilizzo in 3D, sembra in fase di stallo.
Quindi non resta che sperare nel miracolo, e nel frattempo si ringrazia casa Ati!


Il sito BeFunky offre la possibilità di trasformare le vostre foto e video in cartoon, con diversi stili disponibili. Ennesimo sito di puro divertimento e di scarsa utilità, a meno che non volete fare una sorpresa a qualcuno, oppure passare mezz'ora a divertirsi!

Blocgbackupr per salvare il tuo blog

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Quello che manca nei blog gratuiti, come ad esempio Blogger, è la possibilità di fare un backup dei dati inseriti. Fortunatamente c'è sempre qualcuno che ci pensa e crea siti deicati. E' il caso di BLOGBACKUPR che ti dà la possibilità di salvare il tuo blog, avendo sempre tutto al sicuro. L'unica pecca, a parer mio, è quella che durante la registrazione vengono chiesti i dati di login. Questo può non essere un problema se si tratta di pagini personali, mentre diventa più complicato se rivolto a blog istituzionali o commerciali. Ma è anche vero che grosse ditte hanno la possibilità di salvare in proprio i dati, senza rivolgersi a risorse internet...

Le principali caratteristiche del programma sono:

- Salvataggio automatico di articoli, commenti e categorie del blog;

- Opzione di ripristino automatico del blog: Wordpress.com, Blogger.com;

- Funziona con tutti i blog che offrono RSS-feed;

- Backup blog multipli allo stesso momento;

- Capacità di backup di immagini e modelli di file.

Crea i fumetti con le tue foto

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Sul sito di COMIQS è possibile creare vignette scherzose usando le proprie foto, oppure interi fumetti. Quello che serve è avere sul vostro disco fisso le immagine, fare l'upload al sito, caricare le nuvolette per il testo, sistemare il tutto e creare. Basta una semplice registrazione per poter avere il pieno utilizzo del servizio. Su un forum ho addirittura letto di un tizio che ha creato un vero e proprio fotoromanzo!

Provate e, se volete, mandatemi le opere, così le pubblico. Senza impegno, come sempre!

Sul web spopolano le immagini demenziali. Tra la moltitudine di spazzatura, prò capita a volte di trovarne qualcuna divertente. Eccole...

Supporto Microsoft di Bombay


Come far capire il funzionamento di un PC ad un neofita

Una vera iniezione di dati!

Videogioco per la nonna

FuseCal, per non perdere un appuntamento

Scritto da Massimo Ferraris giovedì 27 marzo 2008 0 commenti


FuseCal è un ottimo servizio, disponibile gratuitamente in rete, in grado di organizzare i tuoi appuntamenti, scadenze, compleanni, anniversari o impegni di lavoro. Il programma lavora perfettamente in accoppiata con Outlook 2007, Google Calendar, Apple iCal, Yahoo Calendar e Windows Calendar.


Capita a volte di trovarsi tra le mani un file e non sapere a cosa serva. L'estensione non è riconosciuta dal sistema, ma tu vuoi sapere a cosa diavolo è associata. Niente paura, la rete è a disposizione. Basta andare su FILExt e tutto è risolto!
Sul sito è possibile personalizzare la ricerca, avendo la possibilità di aggiungere un bottone di ricerca alla Google toolbar, utilizzare Firefox search e altro.


Google annuncia il lancio di Transit, il nuovo servizio di Google Maps che fornisce agli utenti indicazioni su come pianificare un tragitto utilizzando i mezzi pubblici. Con un semplice clic, il servizio segnala all’utente le tratte coperte, le fermate più vicine al punto di partenza e di destinazione, i tempi di percorrenza e persino gli orari di riferimento, direttamente sullo schermo.
Caratteristica principale di Google Transit è la possibilità di costruirsi ad hoc un percorso che preveda l’utilizzo di diversi mezzi: tram, autobus, metropolitana, treno.
“Google Transit è un progetto che sta suscitando molto interesse soprattutto presso gli enti pubblici, sempre più sensibili ai concetti di mobilità sostenibile e innovazione”, ha spiegato Aldo Spivach, Strategic Partner Development Manager di Google. “Fornire informazioni sui mezzi e gli orari del trasporto pubblico locale a una base di utenti numerosa come quella di Google significa promuovere il servizio pubblico in maniera facile ed efficiente. Il nostro servizio è adattabile a ogni tipo di realtà urbana, qualunque sia la sua dimensione, ed è assolutamente gratuito sia per gli utenti finali sia per gli operatori”.
Questo servizio, lanciato in Italia come primo Paese europeo, vede già coinvolte con importanti collaborazioni la Provincia di Firenze – dove Google Transit è disponibile per l'area metropolitana fiorentina, la zona del Mugello-Val di Sieve e quella del Chianti-Valdarno - e il comune di Torino, attraverso la GTT (Gruppo Torinese Trasporti). Prossimamente, il servizio verrà attivato anche presso il Comune di Genova e nel territorio veneto, grazie alla collaborazione avviata con la ACTV Spa di Venezia. Queste diverse realtà hanno deciso di affidarsi a Google Transit per incentivare i cittadini a usufruire dei mezzi pubblici e sostenere così un atteggiamento collettivo più rispettoso dell’ambiente. Nel frattempo ulteriori incontri sono in corso con amministrazioni locali e società di trasporto pubblico per estendere il servizio a quante più aree in Italia.



Tramite una semplice applicazione, chiamata Time Machiner, è possibile inviare le e-mail con una nuova dimensione: il tempo! Con questo programma è possibile scegliere non solo il soggetto e la posta elettronica del destinatario, ma anche la data in cui le e-mail saranno inviate.

L'autore ha dichiarato che non è previsto nessun aggiornamento al programma e che le opzioni si limitano alla scelta della data futura. D'altronde il software è stato sviluppato, sempre a detta del creatore, con un budget di 4,50 dollari!

In effetti esiste già un ottimo programma che svolge lo stesso compito e in modo assolutamente migliore: Google Calendar. Ma che volete farci: ognuno nella vita ha il sogno di vedere qualcosa di suo pubblicato in rete (anche il sottoscritto, eheheh!...).

Programmi di questo tipo sono un'arma a doppio taglio. Pensate magari di essere a casa, dopo una litigata col principale che vi ha minacciato di licenziamento. Vi sedete al computer e create la vostra e-mail piena di insulti e la programmate in spedizione una settimana dopo. Il giorno dopo invece fate pace con lui evi dimenticate della mail. Cosa potrà mai succedere?...

Microsoft ha appena firmato un importante accordo con Adobe. Anche se l'importo totale dell'operazione non è stato divulgato, Adobe è pronta a distribuire versioni adattate di Flash Lite e Adobe Reader, per la piattaforma Windows Mobile, per i produttori di telefoni cellulari.
Flash Lite è una speciale edizione della tecnologia Adobe volte a telefoni cellulari e altri dispositivi portatili, più leggeri e meno avidi di risorse nel soddisfare i vincoli di autonomia e di portabilità. Per Microsoft si tratta di una mossa ad hoc, poichè per voce di Rockfeld Scott, uno dei leader del business delle comunicazioni mobili, ha detto che la tecnologia Flash è un must sul web. Quindi per Microsoft è bene metterci lo zampino...

Canonical pensa già al futuro di Ubuntu

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 26 marzo 2008 0 commenti

Manca meno di un mese al rilascio di Hardy Heron 8.04 e la Canonical, attraverso il suo portavoce Mark Shuttleworth, ha già annunciato che la prossima versione, la 8.10 in uscita ad ottobre 2008, si chiamerà Intrepid Ibex traducibile come “stambecco impavido".
Tra le novità, la più importante è quello dello sforzo profuso da Canonical nel rendere il sistema compatibile al 100% con le reti wireless. Voci di corridoio, non confermate, parlano di un accordo per quanto riguarda il settore mobile.

Pensiero della sera - Abbuffata

Scritto da Massimo Ferraris martedì 25 marzo 2008 1 commenti

Primo giorno di lavoro, dopo il mini-ponte pasquale. La notte è stata un dormiveglia. Nei pochi sprazzi di sonno piatti di cibarie mi inseguivano; colombre glassate facevano il nido sul mio terrazzo; galline giganti sfornavano uova di cioccolato.
E' la reazione tipica del dopo-feste, quando ti alzi e ti senti distrutto (fatti forza e vai incontro al tuo giorno, direbbe Bennato...), la gola è riarsa dalla sete, perchè il fegato ha gettato la spugna e si rifiuta di lavorare. Le giunture ed i muscoli hanno la consistenza di un budino. La testa sbatte contro le pareti del cranio e ti sembra quasi di udirne il rumore.
A questo punto mi domando, così come ho fatto il 27 dicembre ed il 2 gennaio: "perchè mi devo ridurre così? Ma dove stà scritto che nelle feste comandate si debba mangiare allo sfascio?"
Eppure, eppure... la tentazione è troppo forte. Due o tre fette di colomba in più che male mi potrranno mai fare? E quei dieci o dodici pezzi di cioccolata, tanto per assaggiare la differenza tra quella fondente e quella al latte, che conseguenze mi porteranno? Tanto poi da domani dieta! Ho deciso: da domani non mangio più, anzi sento già che sto diventando inappetente; una forma di anoressia mi pervade.
Tiro giù le gambe dal letto e guardo l'orologio: le 6:45. Dodici ore e poi ritorno a casa. Dodici ore passate in queste condizioni, dove non c'è analgesico che tenga. Un caffè è quello che ci vuole per rimettermi in sesto. Lo butto giù e mi sento già meglio. Mi lavo, vesto e guardo lo sconosciuto allo specchio, quel tipo tutto occhiaie con i capelli indomabili che mi fissa.
Un po' d'aria fresca mi farà bene. Oggi prendo la moto, così mi riprendo. E in effetti il vento che filtra tra la visiera aperta è un tonico che mi rimette in sesto. Mi sento meglio e percepisco il caffè che inizia a far funzionare l'intestino.
Forse la grande abbuffata ha fatto meno danni di quel che pensavo. Passo davanti alla panetteria e freno. Guardo le brioches in vetrina e penso: "Non bisogna mai stare a stomaco vuoto. La colazione è il pasto più importante della giornata". Metto la moto sul cavalletto ed entro. Le feste sono passate, la vita continua...

A proposito di auguri di Buona Pasqua...

Scritto da Massimo Ferraris domenica 23 marzo 2008 0 commenti

Trovati su Youtube. Troppo divertenti!







The Speech Accent, ovvero ad ognuno il suo accento

Scritto da Massimo Ferraris sabato 22 marzo 2008 0 commenti

Volete divertirvi ad ascoltare la pronuncia inglese di persone di sesso e regioni differenti? E non solo italiane ma anche straniere? Sì perchè non tutti pronunciano l'inglese allo stesso modo, si sa. Se vi è mai capitato di parlare in inglese al telefono con qualcuno avrete notato la notevole differenza che c'è tra conversare con un inglese purosangue, e uno spagnolo o un tedesco magari titubanti con la lingua come voi. The Speech Accent è il sito che svela tutte questa sfumature: si tratta di un progetto portato a termine dalla George Mason University, volto a comparare fra loro gli accenti degli stranieri che imparano l’inglese. Alcuni studi hanno evidenziato che la pronuncia inglese di un italiano varia a seconda del sesso, della zona geografica di appartenenza, dell'età e, soprattutto, dell'istruzione. Ascoltate per esempio la pronuncia di un fiorentino di 50 anni, ben diverso, per esempio da una napoletana che di anni ne ha 32.
Ovviamente il sito evidenzia anche da quanto tempo la persona conosce l'inglese: l'effetto cambia molto anche a seconda del grado d'istruzione della lingua!
Che aspetti allora: divertiti a comparare gli accenti e le pronunce del mondo, potrai consolarti sulla tua pronuncia disastrosa! Non ti resta che scoprire il sito The Speech Accent!

Nel mio piccolo, mi sono accorto che ci sono molti amici in giro per il mondo che si collegano al mio blog. Mi sembra doveroso porgere gli auguri anche a loro, nella loro lingua. Quindi lo faccio con quelle che sono riuscito a trovare. Chi conoscesse altri idiomi può fare gli auguri nel box ad inizio pagina. Grazie!

HAPPY EASTER (inglese)
FELICES PASCUAS (spagnolo)
FOUAI HWO GIE QUAI LE (cinese)
FROHE OSTERN (tedesco)
EID-FOSS'H MUBARAK (arabo)
SRETAN USKRS (croato)
GEZUAR PASHKEN (albanese)
PASTE FERICIT (rumeno)
VESELE VELIKONOCE (ceco)
KALO PASKA (greco)
JOYEUSE PAQUES (francese)
SREKEN VELIGDEN (macedone)

Installare Ubuntu su una chiavetta è possibile. La guida che mi prefiggo a scrivere è valida per qualsiasi sistema operativo Linux provvisto di una versione LiveCD. Io comunque rimango un affezionato ad Ubuntu e quindi tutto gira intorno ad esso (e basta!).
Gli "ingredienti" indispensabili sono:

- un LiveCD Ubuntu, scaricato da internet in versione ISO;
- una pen drive da almeno 1 GB;
- un PC con Ubuntu installato.

Per prima cosa occorre inserire la chiavetta nella presa USB e farla riconoscere. Per essere sicuri di conoscere il dispositivo associato, lanciare il comando da terminale:
- sudo fdisk -l
La risposta che otterrete dovrebbe essere /dev/sdb, oppure sdc o sde, dipende dal vostro sistema e dalle periferiche collegate.
Attenzione: utilizzando un nome di dispositivo sbagliato, potreste distruggere la vostra partizione di sistema; si prega di verificare prima di procedere!
Verificare quindi di smontare ogni partizione attiva:
- sudo umount /dev/sdb1
quindi lanciate fdisk, uno strumento per modificare le partizioni sotto linux:
- sudo fdisk /dev/sdb
ora dobbiamo creare due partizioni, una da 750 MB dove metteremo i file del LiveCD, ed un'altra che ci servirà in seguito.
Al prompt dei comandi digitate d x, dove al posto di x metterete il numero della partizione da selezionare. Nel nostro caso, avendo una chiavetta non ancora partizionata, basterà digitare solo d. Quindi procedete seguendo lo schema:

- N per creare una nuova partizione

- P per renderla primaria

- 1 ed è quindi la prima partizione primaria

- Accettare il valore predefinito o digitare 1 per iniziare dal primo cilindro

- +750 M per rendere la partizione primaria grande 750 MB

- A per rendere attiva la partizione di boot

- 1 a scegliere la partizione 1

- t per cambiare il tipo di partizione

- 6 per impostarla su FAT16.

A questo punto la prima partizione è stata creata; adesso dobbiamo creare la seconda:

- N, ancora una volta, per creare una nuova partizione

- P per renderla primaria

- 2 per essere la seconda partizione

- Accettare l'impostazione predefinita digitando Invio

- Accettare l'impostazione predefinita per rendere la vostra partizione il più grande possibile

- Infine, digitare w per scrivere la modifica sulla tua pendrive USB.

A questo punto abbiamo le due partizioni. Dobbiamo quindi formattarle.
La partizione 1 deve essere formattata FAT16, digitando, sempre da terminale:
- sudo mkfs.vfat -F 16 -n liveusb /dev/sdb1
La seconda partizione deve essere di tipo ext2 con un blocco di 4096 byte e l'etichetta casper-rw altrimenti la guida non funziona!
- sudo mkfs.ext2 -b 4096 -L casper-rw /dev/sdb2
A questo punto la pen drive è pronta per ricevere l'installazione di Ubuntu.
Dobbiamo creare una directory temporanea, dove poter montare la ISO di Ubuntu, come ad esempio /tmp/ubuntu-livecd:
- mkdir /tmp/ubuntu-livecd
- sudo mount -o loop /path/to/feisty-desktop-i386.iso /tmp/ubuntu-livecd
Chiaramente al posto di feisty-desktop-i386.iso andrete a sostituire il nome della vostra ISO.
Ora passiamo al montaggio delle partizioni sulla chiavetta USB. Il montaggio dovrebbe essere automatico, una volta inserita la pen nello slot USB, ma se ciò non dovesse accadere occorre farlo manualmente in questo modo:
- mkdir /tmp /liveusb
- sudo mount /dev/sdb1 /tmp /liveusb
Finalmente possiamo copiare i files!
- cd /tmp/ubuntu-livecd
- sudo cp -rf casper disctree dists install pics pool preseed .disk isolinux/* md5sum.txt README.diskdefines ubuntu.ico casper/vmlinuz casper/initrd.gz install/mt86plus /tmp/liveusb/
In ogni caso, la lista di file che compare nel comando può non essere esattamente compatibile con la vostra versione. I file necessari, che dovrete andare a scrivere nel comando, devono contenere necessariamente le directory: 'casper', 'disctree', 'dists', 'install', 'pics', 'pool', 'preseed', '.disk', il contenuto della directory 'isolinux' e i files 'md5sum.txt', 'README.diskdefines', 'ubuntu.ico', 'casper/vmlinuz', 'casper/initrd.gz' e 'install/mt86plus'.
Tieni presente che al 99% il comando ti darà erori nella creazione di directory, ma non preoccuparti. Vai avanti lo stesso con l'installazione.
Ora entra nella prima partizione del tuo disco usb e rinomina isolinux.cfg in syslinux.cfg
- cd /tmp /liveusb
- sudo mv isolinux.cfg syslinux.cfg

Modifica syslinux.cfg:

DEFAULT persistent
GFXBOOT bootlogo
GFXBOOT-BACKGROUND 0xB6875A
APPEND file=preseed/ubuntu.seed boot=casper initrd=initrd.gz ramdisk_size=1048576 root=/dev/ram rw quiet splash --
LABEL persistent
menu label ^Start Ubuntu in persistent mode
kernel vmlinuz
append file=preseed/ubuntu.seed boot=casper persistent initrd=initrd.gz ramdisk_size=1048576 root=/dev/ram rw quiet splash --
LABEL live
menu label ^Start or install Ubuntu
kernel vmlinuz
append file=preseed/ubuntu.seed boot=casper initrd=initrd.gz ramdisk_size=1048576 root=/dev/ram rw quiet splash --
LABEL xforcevesa
menu label Start Ubuntu in safe ^graphics mode
kernel vmlinuz
append file=preseed/ubuntu.seed boot=casper xforcevesa initrd=initrd.gz ramdisk_size=1048576 root=/dev/ram rw quiet splash --
LABEL check
menu label ^Check CD for defects
kernel vmlinuz
append boot=casper integrity-check initrd=initrd.gz ramdisk_size=1048576 root=/dev/ram rw quiet splash --
LABEL memtest
menu label ^Memory test
kernel mt86plus
append -
LABEL hd
menu label ^Boot from first hard disk
localboot 0x80
append -
DISPLAY isolinux.txt
TIMEOUT 300
PROMPT 1
F1 f1.txt
F2 f2.txt
F3 f3.txt
F4 f4.txt
F5 f5.txt
F6 f6.txt
F7 f7.txt
F8 f8.txt
F9 f9.txt
F0 f10.txt
Finalmente abbiamo la nostra chiavetta "quasi" utilizzabile. Per rendere tutto funzionante dobbiamo renderla avviabile. Prima però abbiamo bisogno di syslinux e mtools.
- sudo apt-get install syslinux mtools
E infine smontare /dev/sdb1 e renderlo avviabile.
cd
sudo umount /tmp/liveusb
sudo syslinux -f /dev/sdb1
Ora riavviate il sistema, entrate nel BIOS, settatelo affichè il boot avvenga da USB ed il gioco è fatto! Gancjo.

Lezioni online per imparare

Scritto da Massimo Ferraris venerdì 21 marzo 2008 0 commenti



C'era da aspettarselo: Youtube non ha mancato di creare cloni, primo fra tutti Google video. Ma c'è anche chi ha cercato di diversificare lo stile, anche pur finendo per diventare un serbatoio di filmati. Teachertube si prefigge di essere una raccolta di filmati esclusivamente dedicati all'insegnamento. Non importa di cosa parlate, l'importante è che quello che mettete online sia rivolto all'apprendimento altrui. Anche se il sito è americano, non mancano moltissimi filmati in lingua italiana. Le materie sono tra le più varie. Vale la pena farci un giro.

Moneygami, la nuova arte americana

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Che gli americani fossero un popolo estroso e creativo, di questo ce ne eravamo già accorti. D'altronde la moda e le tendenze nascono nel grande sogno americano. Ma tra le tante curiosità che gli USA ci propinano, quella del Moneygami è a dir poco curiosa. Di cosa si tratta? Semplice: fare oggetti utilizzando la tecnica dell'origami, ma con al posto della carta dei bei dollaroni! Non ci credete? Date un'occhiata alle foto...



Il servizio offerto da 4SHARED è completamente gratuito e offre ben 5 GB di spazio utilizzabili come meglio credete. I file caricati possono essere comodamente condivisi, oppure lo spazio può essere usato per serbatoio personale, con l'opportunità di avere accesso ai file contenuti da qualsiasi terminale in qualsiasi punto del mondo. Gran comodità, se si pensa che altri siti offrono al massimo 1 GB. Per poter usare questa meraviglia è sufficiente registrarsi, fornendo indirizzo email e password, dopodichè siete pronti ad "uploadare"!

Ubuntu Hardy Heron 8.04 è pronta!

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Gioite, felici fruitori del mitico sistema operativo di casa Canonical! Steve Langasek, uno dei mostri sacri di Debian, recentemente assunto dalla Canonical, ha ufficialmente annunciato il rilascio della versione Beta finale della prossima release di Ubuntu, che vi ricordo è un LTS (sostegno a lungo termine). Nonostante tutto sia pronto e collaudato un mese prima del rilascio ufficiale, la Canonical ha precisato che la versione finale pronta da distribuire sarà preceduta da una RC (Release Candidiate) una settimana prima, per assicurarsi che tutto è ok. Quindi è il momento giusto per i coraggiosi che vogliono installarla e trovare il famoso "pelo nell'uovo"!
Potete scaricare la Alpha6 da qui.

Dolci pasquali regionali

Scritto da Massimo Ferraris 2 commenti

Ogni regione italiana ha le sue specialità. Quando arriva una festa, non c'è paese che non proponga un piatto tipico. Le stesse città, che compongono le regioni, posseggono un dolce o una ricetta che non troverete da nessun'altra parte.
Da buon golosastro, e seguendo l'invito di altri golosastri amici lettori, propongo alcune ricette. Tengo a precisare, come sempre, che le ho prelevate in giro per la rete. Un ringraziamento quindi a chi le ha pubblicate e ben venga questo "dolce" scambio di notizie.

FIADONI (Abruzzo)

Ingredienti:

pasta:
1 kg di farina
200 g di zucchero
7 uova + 4 tuorli
200 g di strutto
sale
scorza di limone grattugiata
ripieno:
1 kg di formaggio di pecora fresco salato
100 g di parmigiano
150 g si altro formaggio secco ma dolce
200 g di zucchero
5 uova

Preparazione:
Si lascia scolare il formaggio di pecora per circa 2 giorni. Si prepara la pasta. Si grattugiano insieme tutti i formaggi, poi vi si uniscono lo zucchero e le uova sbattute, mescolando bene. Si stende la pasta non troppo sottile e si taglia in dischi di circa 10 cm di diametro. Si mette su ogni disco un po' di ripieno, si piega a metà si sigilla e si indora con un po' d'uovo. Si cuociono poi i fiadoni al forno.
PIZZA DI PASQUA DI CAMERINO (Marche)

Ingredienti:
500 g di pasta di pane
10 uova
200 g di lievito di birra
500 g di zucchero
180 g tra burro e strutto
150 g di canditi
aranci e limoni grattugiati
100 g di uva passa
rosolio di cannella e maraschino a piacere
estratti di aromi
vaniglia
un pizzico di sale
farina quanta ne basta per impastare
Preparazione:
Si fa lievitare la pasta di pane quindi si impasta aggiungendo lievito di birra sciolto in acqua calda e si fa di nuovo lievitare. Quando la massa è bella gonfia e lievitata si rimescola il tutto aggiungendo 1 uovo, parte dello zucchero e grasso e si pone di nuovo a lievitare. Dopo tre ore si ripete l'operazione.Infine si maneggia di nuovo la massa aggiungendo l'uva passa, i canditi e tutto ciò che è rimasto. Si riempiono le teglie unte, fino a metà con l'impasto. Si prepara un ambiente caldo e umido, si copre con coperte di lana e vi si lasciano sotto le teglie con le pizze a lievitare. Si cuociono in forno a legna non troppo caldo, poi si rovesciano per farle asciugare, quindi si ricoprono con le chiare battute a neve con lo zucchero, decorare con caramelline.
PASTIERA NAPOLETANA (Campania)

Ingredienti - dosi per 12 persone:

impasto:
700 g di grano cotto
7 uova + 3 tuorli
300 g di latte
600 g di zucchero
1 cucchiaio di burro o strutto
700 g di ricotta
1 bustina di vanillina
2 fiale fior d'arancio
150 g di cedro
cannella
pasta frolla:
500 g di farina
200 g di zucchero
200 g di burro
buccia di limone grattata
3 uova

Preparazione:
Versare il grano in un tegame, aggiungendo 300 gr di latte ed un cucchiaio di strutto o burro. Far bollire e mescolare finché non diventi crema. Appena la crema si è raffreddata, versare in un recipiente ed aggiungere 700 gr di ricotta, 600 gr di zucchero, le uova intere ed i tuorli, una busta di vainiglia, 2 fiale di fiori d'arancio ed i 150 gr di cedro a cubetti, frullare il tutto fino a rendere l'impasto liquido. Preparare una pasta frolla con la farina, lo zucchero, il burro, le uova, e la buccia di limone, fare l'impasto senza lavorarlo troppo, distenderlo e rivestire una teglia e riempirla con l'impasto ottenuto prima. Di norma, prima di stendere la sfoglia nella teglia, cospargere la stessa con burro, onde evitare spiacevoli legami. Decorare la pastiera con strisce di pasta frolla. Portare il forno a 180 gradi, quindi mettere la pastiera, appena questa diventa bionda e l'impasto è asciugato, spegnere il forno e lasciarla li, fino a quando diventa tiepida. Circa un'altra ora. Estratta la pastiera, spolverarla con zucchero e vainiglia a velo.
SCARCELLA PASQUALE (Puglia)

Ingredienti :
300 gr farina doppio zero
2 uova
2 cucchiai di olio
100 gr zucchero
latte
sale
buccia di limone grattugiata
Preparazione:
Prendere la farina, ed impastarla con le uova, i due cucchiai di olio, lo zucchero, un po' di latte, pochissimo sale e la buccia di limone grattugiata.Quando l'impasto sarà pronto, spianare la pasta riducendola a mezzo centimetro di altezza e ritagliare tre ovali, conservando i ritagli.Poggiare su una delle estremità un uovo col guscio, fissarlo con i ritagli, cospargerle di zucchero e di confettini colorati e metterle in forno dopo averle sistemate su una teglia appena unta.Controllare la cottura, lasciare raffreddare e mangiare.
PITTE CON NIEPITA (Calabria)

Ingredienti per 20 persone:

Per la pasta:
500 gr di farina
100 gr di strutto
150 gr di zucchero
Per il ripieno:
500 gr di marmellata d'uva
50 gr di cannella
200 gr di zucchero
250 gr di noci sgusciate e pestate
2 bicchieri di liquore
200 gr di cacao
Preparazione:
Questi dolci sono tradizionali delle feste pasquali calabresi. Bisogna preparare prima la pasta esterna, mescolando i vari ingredienti, lavorare la pasta ottenuta, e stenderla fino a raggiungere uno spessore di circa 3 millimetri, poi con un bicchiere ritagliare tanti dischetti quanta è la pasta.Mescolare a parte i vari ingredienti del ripieno, e quando sono ben amalgamati, metterne due cucchiai su ogni dischetto di pasta, ripiegare la pasta in modo da dargli una forma di mezzaluna, premere bene sui bordi, con le dita inumidite, in modo che i dolcetti non si aprano durante la cottura. Posizionare le "pitte" sulla lastra del forno infarinata, ed infornare. Si possono mangiare sia calde che fredde.
TORTA PASQUALE (Sicilia)

Ingredienti:
3 uova
400 gr farina
350 gr zucchero
100 gr margarina
1 bustina di lievito
Per il ripieno:
400 gr ricotta
100 gr canditi
100 gr cioccolata
100 gr marmellata di pesche
un po' di cannella
50 gr zucchero per abbellimento
100 gr mandorle
Preparazione:
Fare la pasta, dividerla in due parti e, con una parte, foderare una tortiera rettangolare, unta e infarinata; disporvi il composto e ricoprire con la pasta rimanente; chiudere i bordi. Sopra, disporre le mandorle, una vicina all'altra, formando un tappeto, mantenendosi, però, lontani dal bordo.Scaldare il forno a 250° e, dopo infornato, abbassarlo a 200°.Tempo di cottura 30' ca.Spolverizzare con zucchero a velo.
PINZA TRIESTINA (Veneto)
Ingredienti:
1 kg di farina
100 grammi di lievito di birra
1/2 litro di latte
250 grammi di burro
350 grammi di zucchero
8 uova
1 bicchierino di rhum
1 pizzico di sale
vaniglia
Preparazione:
In una ciotola impastare 3 grosse manciate di farina con il lievito, fatto sciogliere in poco latte a temperatura ambiente. Aggiungere farina se necessario; lavorare fino ad ottenere una pastella omogenea. Lasciare lievitare coperta da un telo, lontano da correnti d'aria.Nel frattempo fate sciogliere un pizzico di sale in poca acqua tiepida, e lo zucchero in poco latte tiepido.Versare sul piano di lavoro la farina a fontana e aggiungere sale e zucchero diluiti, il burro fatto sciogliere, 6 uova intere e 2 albumi. Impastare bene il tutto.Aggiungere quindi il bicchierino di rhum e un po' di vaniglia. Impastare.Quando la pastella con lo lievito sarà gonfiata unirla all'impasto e lavorare bene, per amalgamare tutti gli ingredienti. Se serve versare altro latte a temperatura ambiente.Lasciare lievitare ancora 20 minuti circa.Scaldare il forno a 180° e infornare il dolce, avendolo prima compattato a palla e avendogli praticato sulla parte superiore tre piccoli tagli col coltello, a partire dal centro.Il dolce dovrà risultare ben dorato, ma morbido e dovrà aprirsi dove sono stati praticati i tagli.
SCHIACCIATA PASQUALE (Toscana)
Ingredienti:
350 grammi di acqua,
30 grammi di lievito di birra,
1 pizzico di sale,
500 grammi di farina,
200 grammi di zucchero,
5 uova,
80 grammi di burro,
1 arancia,
1 cucchiaio di semi di anice,
1 bicchierino di Strega
Preparazione:
Prendere un grosso recipiente di plastica e fare sciogliere in 350 grammi di acqua tiepida il lievito con un pizzico di sale e un cucchiaino di zucchero. Lasciate a lievitare per 30 minuti circa, possibilimente vicino ad una fonte di calore (non eccessiva). Passati i minuti necessari aggiungere poco per volta nel recipiente la farina, mescolando di continuo, quindi allo stesso modo lo zucchero. Sbattere 4 uova e incorporarle nell'impasto. Unire quindi anche il burro ammorbidito, i semi di anice schiacciati e la scorza dell'arancia. Amalgamare bene tutti gli ingredienti, poi passare l'impasto su di un piano da lavoro e continuare ad impastare. Lasciare quindi lievitare per almeno 3 ore coperto e al caldo, al riparo dall'aria. Riprendere l'impasto e impastare ancora, aggiungendo anche il bicchierino di liquore, poi mettrelo in una forma leggermente imburrata e infarinata. Mentre si lascia scaldare il forno a 200°, sbattere un albume con poca acqua e un cucchiaino scarso di zucchero per spennellare il dolce sulla superficie, in modo da renderlo lucido. Infornare e cuocere per 40 minuti circa, fino a quando il dolce non prende un bel colore dorato scuro all'esterno e provando con uno stuzzicadenti lungo che sia cotto anche all'interno.

L'uovo di Pasqua me lo faccio io!!!

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Niente di più facile, visto che la ricetta base prevede l'utilizzo di un solo ingrediente, la cioccolata, appunto. L'idea può essere buona se avete intenzione di inserire all'interno dell'uovo una sorpresa personalizzata (che sò: un diamante, oppure le chiavi della nuova Ferrari), o anche per far vedere agli altri quanto siete bravi (decantando pure le qualità del cioccolato artigianale, senza conservanti o additivi, bla bla bla...). Quindi, comprate 500 gr. di finissimo cioccolato (fondente è il massimo!), due stampi in plastica, che potete trovare al supermercato, nei negozi di articoli casalinghi o articoli di carta, ed iniziate.

Fate sciogliere a bagnomaria (io ad esempio uso il cioccolè) il cioccolato, a fuoco moderato, rimescolando continuamente, sino a quando noterete l'assenza di grumi. Togliete dal fuoco e rimescolate ancora per un minuto, quindi lasciate riposare per un quarto d'ora circa.

Prendete gli stampi (vi consiglio quelli in policarbonato, perchè più maneggevoli e il cioccolato, una volta solidificato, si stacca meglio) e spalmateci uno strato uniforme di cioccolato, usando una spatola o un semplice cucchiaio. Per renderlo più consistente, potete lasciare raffreddare il primo strato per un paio di minuti nel cassetto del freezer e poi spalmarcene sopra un altro (se proprio siete dei golosastri, tra uno strato e l'altro mettete delle noccciole spezzettate in pezzi grossi).

Ora deponete le due parti dell'uovo in freezer per 10 minuti, lasciate un po' di cioccolato da parte e riscaldatelo per renderlo più cremoso. Togliete dagli stampi, inserite la sorpresa e unite con il cioccolato fuso, usandolo come collante. E infine Buona Pasqua! Gancjo.

Template per blogger con personaggi famosi

Scritto da Massimo Ferraris giovedì 20 marzo 2008 0 commenti

Avere un blog, magari dedicato ad un artista del cuore, con il vostro idolo che fa da sfondo, può essere un modo per attirare più lettori. Vi propongo quindi una serie di 5 template. Per installarli dovete andare su LAYOUT -> MODIFICA HTML -> SFOGLIA -> cercate il file scaricato -> CARICA. Non dimenticate di fare prima un backup di tutti i widget che vorrete trasferire nel nuovo layout!
Se vi piacciono ne pubblicherò altri, magari anche su richiesta (non cercatemi personaggi strani, però!).

JOHNNY DEPP

ALICIA KEYSEVA LONGORIAGEORGE CLOONEY

Driillo e messaggi gratis al 100%

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


E' nato un nuovo servizio per inviare gratis messaggi SMS. Definire SMS i messaggi inviati con questo sistema, dal brevetto tutto italiano, è sbagliato. Infatti l'invio e la ricezione avviene tramite la codifica di squilli trasmessi tra i due cellulari in connessione. Per attivare il servizio occorre registrarsi attraverso il sito di driillo, in modo del tutto gratuito, quindi scaricare il software, trasferirlo via bluetooth al cellulare ed installarlo.
Per ora funziona solo su pochi modelli di Nokia, precisamente il 6600 e l'N70, ma il creatore comunica che stà lavorando ad altri modelli ed altre marche, che metterà a disposizione sul sito.

Crema di limoncello - ricetta

Scritto da Massimo Ferraris 2 commenti


L'amica Maria di Savona mi ha fatto assaggiare la crema di limoncello fatta da lei. Sono rimasto estasiato, perchè a differenza delle altre che ho assaggiato questa ha la caratteristica di essere bevuta appena tolta dal freezer. Quello che mi ha versato nel bicchiere ha una consistenza cremosa e presenta un mix di liquido e parti zuccherine cristallizzate. Una delizia a cui non ho saputo resistere e ho chiesto la ricetta. Ve la propongo, con il suo permesso, e vi invito a provare. Sappiatemi dire!

Ingredienti:

- 1 litro di alcool

- la buccia di dieci limoni

- 1 litro di latte intero

- 1/2 litro di panna per dolci

1,1 kg. di zucchero

2 bustine di vanillina

Preparazione:

Lavate i limoni sotto l'acqua corrente ed asciugateli bene con fogli di carta da cucina. Staccate la buccia superficiale, senza intaccare la parte bianca. Fatele macerare insieme all'alcool in un contenitore ermetico, posizionandolo in un ambiente buio per sette giorni. Passato il periodo filtrate il liquido, eliminando le bucce. Quindi mettete sul fuoco il latte con le due bustine di vanillina e quando inizia a bollire spegnete ed aggiungete panna e zucchero. Rimescolate sino a quando lo zucchero non si scioglie. Lasciate raffreddare completamente, dopodichè aggiungete l'alcool filtrato, sempre rimescolando. Imbottigliatelo e mettetelo in freezer.


Questa breve guida vuole essere un aiuto per i felici possessori del Sony PS3. La condivisione del segnale Internet è utile per gli aggiornamenti e per giocare online, esperienza stupenda eseguita con questa macchina. Quindi armatevi di buona pazienza e seguite i passi seguenti:
  1. Aprire Internet Explorer, o qualsiasi altro browser installato sul PC. Nella barra degli indirizzi inserire http://192.168.1.1/ per entrare nella configurazione del router. Cercate la voce "Configurazione wifi" o altra voce simile (dipende dal modello). Vedrai scritta in nero la chiave che stai usando, che può essere WEP oppure WPA. Ricordatela, perchè ti servirà.

  2. Ora spostati sulla PS3 e nel menu cerca la voce relativa alle impostazioni di rete. Troverai la voce "Impostazione della connessione internet". Clicca su "Personalizzate" e quindi su "Wireless". Qui troverai la voce "Scandisci", cliccando sulla quale la PS3 procederà al rilevamento del segnale emesso dal tuo router. Vedrai che in breve tempo comparirà il nome della rete, quindi scegli il tipo di sicurezza, cioè "WLAN". Inserisci la chiave che hai trovato nella configurazione del router (WEP o WPA).

  3. Andando avanti nella configurazione troverai la voce "Impostazione dell'indirizzo IP" e qui scegli PPPoE. Il passo successivo è quello dell'inserimento del nome utente e password. Se usi Fastweb (come me), non devi inserire nulla, mentre se ad esempio usi Alice dovrai inserire in entrambe le caselle "aliceadsl". Alla voce "Impostazione del DNS" scegli "Automatica". E' possibile comunque velocizzare la trasmissione dati scegliendo "Manuale" e impostando il DNS primario: 208.67.222.222 e il DNS secondario: 208.67.220.220. Passo seguente imposta MTU su "Automatico", "Server proxy" su "Non usare". La voce "Disabilita UPnP" va considerata a seconda del gestore internet. Ad esempio Alice non lo supporta e va disabilitato. Vi conviene quindi provare i due casi e verificare la connessione internet. A questo punto la PS3 è pronta! Buon divertimento, gancjo.

Pranzo di Pasqua - altri antipasti

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 19 marzo 2008 0 commenti

Sembra che gli antipasti vadano per la maggiore. Forse sarà per la sfiziosità di certi piatti, dalla fantasia che si scatena nel cercare di inventare questi stuzzichini, fatto sta che sembra essere diventato il piatto principale, che va il più delle volte ad eliminare il primo piatto. Quindi, ecco a voi un'altra carrellata di antipasti, rigorosamente raccolti in rete. Ah, rimane sempre valido l'invito ad inviare ricette. Grazie, gancjo.
ANTIPASTI AL COTTO
Ingredienti:
- 250 gr. di prosciutto cotto alla brace tagliato a fettinesottili;
- 3 cucchiai di olio extravergine di oliva;
- 1 succo di limone;
- una manciata di pepe;
- scaglie di parmigiano a piacere
Preparazione:
Stendere in un piatto piano da portata le fettine di prosciutto cotto alla brace condire con olio extravergine un pizzico di pepe, una spruzzatina di succo di limone e guarnire con scaglie di parmigiano (o con verdure a piacere).
ANTIPASTO ALLA DIAVOLA
Ingredienti:
- 1 confezione di pancarré a fette,
- 2 peperoni rossi,
- 1 peperone giallo,
- 200 g di polpa di pomodoro in scatola,
- 10 foglie di basilico,
- 1 spicchio di aglio,
- 2 cucchiai di pinoli,
- olio extra vergine di oliva,
- sale e pepe di Caienna.
Preparazione:
Pulite i peperoni, tagliateli a dadini e metteteli in una padella possibilmente antiaderente con 3 cucchiaidi olio, la polpa di pomodoro, l'aglio. Cospargete di sale e pepe. Fateli stufare a fuoco basso, coperto, per 20 minuti; alla fine profumate con il basilico. Nel frattempo togliete alle fette di pancarré la crosticina, tagliatele in due e fatele dorare in olio caldissimo; scolatele su carta assorbente da cucina e tenetele in caldo. Quando le verdure saranno morbide frullatele. Fate insaporire brevemente in pochissimo olio i pinoli. Spalmate la purea di peperoni sulle tartine calde, guarnitele con i pinoli ben scolati e servitele subito.
ANTIPASTO DI ARAGOSTA IN BELLAVISTA
Ingredienti:
- 1 aragosta di circa 1 kg;
- 4 fondi di carciofo;
- 150 gr. di insalata russa preparata in casa o acquistata pronta;
- 2 uova sode;
- 100 gr. di maionese pronta;
- 1 cucchiaino di capperi;
- 250 gr. di riso;
- 1 cuore di lattuga;
- sale.
Per il court-bouillon:
- 30 gr. di burro o margarina;
- 1 carota;
- 1cipolla;
- 1 bicchiere di vino bianco secco;
- 1 mazzetto di prezzemolo;
- alloro e timo;
- sale;
- pepe in grani.
Preparazione:
In una grande casseruola fate imbiondire il burro, la carota e la cipolla affettata, versatevi il vino e un litro d'acqua, il mazzetto di prezzemolo, I'alloro, il timo, il sale e il pepe. Fate prendere il bollore, poi immergete l'aragosta (cercando di non rompere le antenne) possibilmente viva, fatela cuocere per 20 minuti e lasciatela raffreddare nel brodo di cottura.Intanto fate cuocere i fondi di carciofo in acqua bollente salata, scolateli e, quando saranno freddi, riempiteli con l'insalata russa. Tagliate le uova a metà, togliete i tuorli, passateli e mescolateli con la maionese e con i capperi; poi con questo composto riempite le mezze uova. Fate lessare il riso, scolatelo e disponetelo da un lato su un piatto di portata ovale, formando un incavo al centro, poi copritene tutta la superficie con le foglie di lattuga.Togliete l'aragosta dall'acqua, appoggiatela con il dorso su untelo e con le forbici tagliatela longitudinalmente dalla coda alla testa. Estraetene delicatamente la polpa tenendola intera, poi tagliatela a fette regolari. Disponete il guscio dell'aragosta sul piatto da portata con la testa appoggiata sullo zoccolo di riso ricopritene il dorso con le fette di polpa leggermente sovrapposte e decoratele con maionese, infine sul bordo del piatto alternate i fondi di carciofo, le mezze uova ripiene già preparate, con qualche bella foglia di lattuga.
CANAPE' DI EMMENTAL IN SALSA AURORA
Ingredienti:
- emmental,
- cetriolini sottaceto,
- maionese,
- salsa ketchup(salsa aurora),
- pane a cassetta.
Preparazione:
Tagliare una fetta di pane da toast trasversalmente e ricavarne due fette rettangolari. Preparare la salsa aurora aggiungendo alla maionese precedentemente versata in una scodella un cucchiaino di ketchup e mescolare velocemente sino ad ottenere una salsa rosata. Spalmare la salsa sulla fettina di pane. Tagliare una fettina di Emmental dello spessore di una sottiletta avente le dimensioni della tartina ed adagiarla sulla salsa. Affettare longitudinalmente un cetriolo a fettine sottili e guarnire la tartina.
CANNOLI DI PECORINO ROMANO CON RICOTTA
Ingredienti:
- Caciotta di pecora fresca,
- olio e pecorino romano.
Preparazione:
Prendere una padella antiaderente, ungere con un filo d'olio e cospargere con del pecorino grattugiato finemente. Porre sul fuoco fino a che il formaggio non si sciolga in modo uniforme mantenendo inalterato il proprio colore. Togliere dalla fiamma e formare con un cucchiaio delle strisce di pecorino fuso che verrano arrotolate con della caciotta dolce e fresca formando dei piccoli cannoli. Servire caldo accompagnato da champagne o spumante come aperitivo.
CESTINI RUSTICI
Ingredienti:
- farina integrale 60g.,
- farina bianca 75g.,
- mezzo cucchiaio di senape in polvere,
- zucchero 10g.,
- olio di oliva 75g.,
- un tuorlo,
- un cucchiaino di senape rustica,
- una carota,
- una pera,
- un cuore di sedano,
- 6 chicchi di uva rosata,
- roquefort 60g.,
- sale e pepe.
Preparazione:
Riunite in una ciotola le farine, la senape in polvere, un pò di sale, lo zucchero, l'olio, il tuorlo e la senape, mescolate gli ingredienti fino ad avere una pasta consistente. Fatela riposare in frigorifero per una mezz'ora, avvolta in un foglio di pellicola. Tagliate la carota e la pera a fettine, il sedano a pezzetti e i chicci d'uva in quarti. Stendete la pasta in una sfoglia di pochi millimetri e rivestite sei stampini da tartelletta foderati con carta da forno. Cuocete le tartellette in forno a 180° per 15 minuti circa. Dividete la verdura e la frutta nei cestini, condite con il roquefort lavorato con olio, sale e pepe.
CROSTINI ISOLANI
Ingredienti:
- 800 g di melanzane;
- 2 uova sode;
- una cipollina;
- una tazza di maionese;
- pane casereccio.
Preparazione:
Arrostite le melanzane nel forno. Quando sono ben appassite, tiratele fuori e fatele raffreddare. Staccate la polpa dalla buccia, in una terrina, mescolate la polpa con le uova sode sminuzzate e la cipolla tritata. AmaIgamate con una tazza di maionese. Friggete i crostini di pane o metteteli in forno per qualche minuto, poi spalmateli conla crema ottenuta.
FETTE DI PANE FRITTO ALLA BISMARK
Ingredienti:
- Fette di pane scuro raffermo,
- uova,
- olio di oliva.
Preparazione:
Friggere nell'olio le fette di pane; a parte, in un recipiente adatto, cuocere attentamente le uova "al tegamino". Quando le uova sono a quattro quinti di cottura toglierle (con adatta spatola) e adagiarle sopra ogni fetta di pane. Continuare per poco la frittura e servire calde con un buon vino rosso.
FRITTELLE RIPIENE ALLA SICILIANA
Ingredienti:
- 250 g di farina (o semola);
- 300 g di formaggio fresco di pecora (oppure ricotta di pecora);
- 2 uova;
- 1 albume;
- 3 cucchiai di zucchero;
- la buccia grattugiata di ½ limone;
- 25 g di burro (o strutto);
- vino bianco secco;
- ½ bicchierino di liquore all'anice;
- 1 cucchiaio di marsala;
- 200 g di miele possibilmente amaro;
- un pizzico di sale;
- abbondante olio di semi di arachidi per friggere.
Preparazione:
Setacciare la farina sulla spianatoia, mettere al centro le uova, un pizzico di sale, il burro, la buccia grattugiata del limone e il marsala; lavorare gli ingredienti, aggiungendo vino bianco in quantità sufficiente a ottenere un impasto omogeneo; avvolgerlo in un foglio di pellicola trasparente e farlo riposare per almeno 30 minuti.Stendere la pasta in una sfoglia sottile e ricavare tanti dischi del diametro di 8-10 cm.Dividere il formaggio a fettine. Spennellare la metà dei dischi di pasta con l'albume battuto; adagiarvi al centro un poco di fettine di formaggio, spennellarlo con il liquore all'anice e spolverizzarlo con un poco di zucchero. Adagiarvi sopra un altro disco di pasta e premere i bordi per sigillare la pasta.Far friggere le frittelle in abbondante olio caldo finché saranno leggermente dorate; scolarle sopra un foglio di carta assorbente da cucina, cospargerle con lo zucchero rimasto, irrorarle con il miele caldo e servirle.

Cambia aspetto al tuo cursore

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Un sito interessante dove poter personalizzare il cursore tramite animazioni è Cursor Mania .
Potete scegliere tra centinaia di soggetti animati con il quale abbellire il desktop. Disponibile anche una barra da aggiungere al browser.
Da provare!

Pranzo di Pasqua - secondi piatti

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti


Dopo gli antipasti ed i primi, passando prima per la colomba (sono un golosastro!), non posso che proporvi i secondi. Ricette sempre prese in giro per la rete. Chi avesse qualche ricetta da proporre, anche non solo per Pasqua, me la posti all'indirizzo gancjo@email.it, le pubblicherò volentieri!

POLPETTINE PASQUALI

Ingredienti:
- 600 g di polpa di agnello macinata
- uno scalogno
- rosmarino, prezzemolo
- rete di maiale
- aceto balsamico
- vino bianco
- brodo di dado
- olio d'oliva
- sale, pepe

Preparazione:

amalgamare la polpa macinata di agnello con un trito di prezzemolo, rosmarino, scalogno, sale, pepe. Con il composto preparare le polpettine. Allargare la rete di maiale, dividerla in pezzi uguali e, in ciascuno, avvolgere una polpettina schiacciandola leggermente. Rosolare le polpettine in olio caldo e, quando saranno colorite, passarle nel forno a 200° per 10 minuti. Una volta sfornate, sgrassare il fondo di cottura, riportarlo sul fuoco, aggiungere un cucchiaio di aceto, un po' di vino e un mestolino di brodo. Far ridurre la salsina, versarla sulle polpettine e servire.
CARRÉ DI AGNELLO AL TIMO FRESCO
Ingredienti:
- carrés di agnello
- olio, burro
- uno spicchio d'aglio
- timo fresco
- sale, pepe
- carta da forno
Preparazione:
rosolare i carrés di agnello in olio e burro a fuoco vivace, 3 minuti per parte. Con la carta da forno preparare i cartocci, adagiarvi sopra i carrés spalmati col burro e conditi con sale, pepe, timo fresco ed uno spicchio d'aglio tagliato. Chiudere i cartocci e cuocere in forno a 200° per 6 minuti.
FAGOTTINI DI AGNELLO CON LATTUGA
Ingredienti:
- 700 g circa di carré d'agnello
- 150 g di asparagi freschi mondati
- 125 g di porri
- 30 g di burro
- 1 uovo
- un cespo di lattuga non troppo grande
- farina bianca
- pane grattugiato
- olio d'oliva
- sale e pepe qb
Preparazione:
Con l'aiuto di un coltellino affilato spingete la carne verso la base delle costolette, sbattetela con il batticarne in modo da allargarla e fatela rosolare per qualche minuto nell'olio caldo. Aggiungete sale e pepe e tenete in caldo. Lessate gli asparagi al dente dopo aver eliminato la parte più dura. In un pentolino fate fondere il burro, aggiungete il porro affettato e gli asparagi lessati, tenete sul fuoco per qualche minuto, aggiustate di sale e tenete in caldo. Scegliete le foglie di lattuga più grandi e meno rovinate, passatele in acqua salata e bollente per qualche minuto. A questo punto si possono formare i fagottini, con la foglia di lattuga, la costoletta e il composto di asparagi. Passate i fagottini prima nell’uovo e poi nel pangrattato e friggeteli in padella con 2 cucchiai di burro e l'olio. Una volta dorati, asciugate l'olio in eccesso e servite ben caldi.

TORTA PASQUALINA

Ingredienti:

Per la sfoglia: 600 gr di farina, 2 cucchiai d'olio, 1 bicchiere di acqua fredda.
Per il ripieno: 1 kg di bietole, 40 grammi di burro, 6 uova, 60 grammi di parmigiano grattugiato, 1 kg di prescinsêua oppure 550 gr di yogurt, olio extra vergine d'oliva, sale.
Preparazione:
Lavate e asciugate il più possibile le bietole, poi tagliate la parte verde a fettine sottilissime. Lavorate la farina con poca acqua tiepida, un po' d'olio e un po' di sale. Quando l’impasto è pronto, dividetelo in quattro parti e mettetelo a riposo sotto un panno per circa due ore. In una terrina invece mettete la prescinsêua, 3 cucchiai di olio, 2 cucchiai di farina, un pizzico di sale, una manciata di parmigiano grattugiato e mescolate bene. A questo punto prendete le bietole e aggiungete un po' di farina, tutto il formaggio grattugiato che è rimasto, tranne una manciatina, e un pizzico di sale. Poi amalgamate tutto. A questo punto stendete uno dei pezzi di pasta messi a riposare e allargatelo col matterello fino ad ottenere una sfoglia sottile, stendetela sul fondo di un tegame, leggermente unto. Poi disponete sopra la pasta, le bietole a piccole manciate. Versate un po' d'olio e aggiungete la prescinsêua spalmandola con la lama di un coltello unta. Fate quattro buchette nella prescinsêua e rompete dentro ciascuna un uovo intero. Mettete su ciascun tuorlo un pizzico di sale e una pallina di burro. Spolverate ancora su tutto un po' di parmigiano grattugiato.Una dopo l'altra stendete tutte le sfoglie sul tegame, alla fine chiudete il bordo della pasta tutto intorno. Ungete anche la sfoglia superficiale con un po' d'olio. Mettete la torta in forno preriscaldato e fatela cuocere per 45 minuti. Servite quando la torta è tiepida o fredda.

Colomba di Pasqua - ricette

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti



Nonostante i supermercati siano letteralmente invasi da pile di scatoloni di colombe, la tentazione di riuscirla a fare a casa, con le proprie manine, è tanta. Di per se la ricetta non è complicata, anche se occorre seguire il procedimento giusto, senza avere fretta.
Di ricette ne esistono a decine, perciò ve ne propongo diverse, prese in giro per la rete. Fatemi sapere qual'è la migliore, così provo anch'io (e non butto via gli ingredienti...)!

RICETTA N° 1

Ingredienti:


- 1,250 Kg di farina
- 450 g di burro
- 350 g di frutta candita a pezzetti
- 300 g di zucchero
- 120 g di latte intero
- 50 g di lievito di birra
- 60 g di granella di zucchero
- 1 scorza grattugiata di limone
- 9 uova
- 1 presa di sale


Preparazione:


Inizia dal lievito: scioglilo in un po' di acqua tiepida, poi impastalo insieme a circa 150 g di farina fino ad ottenere un panetto duro che dovrai immergere in una ciotola che lo possa contenere, con acqua tiepida. Lascialo riposare per 10 minuti circa.
La farina rimasta: lavorala insieme a 8 tuorli d'uovo, il sale, la scorza grattugiata del limone, lo zucchero, il latte intiepidito e 200 g di burro a tocchetti; quando avrai ottenuto un impasto compatto ed elastico unisci a questo il primo panetto e lavora insieme tutto, poi lascia il nuovo panetto a lievitare fino a quando il suo volume sarà cresciuto di 1/3 rispetto alle dimensioni iniziali.
Raggiunto questo obiettivo: riprendi il panetto e lavoralo nuovamente insieme ad una metà del burro rimasto, poi lascia nuovamente riposare il panetto in un luogo caldo e asciutto, fino a quando il suo volume non sarà raddoppiato. Quindi, riprendi il panetto e lavoralo con l'altra metà del burro avanzato, aggiungi i canditi distribuendoli uniformemente su tutto l'impasto, poi prendi uno stampo a forma di colomba e mettici all'interno l'impasto, spennella con l'uovo rimasto, che avrai prima sbattuto e decora la superficie con la granella di zucchero.
Fai riscaldare il forno a 190° C: poi inforna la colomba e falla cuocere a questa temperatura per 10 minuti, dopo di ché abbassa a 150° C e continua la cottura per 30 minuti circa o finché la superficie del dolce non avrà assunto un colorito uniformemente dorato.

RICETTA N° 2

Ingredienti:

- 170 gr farina 00

- 315 gr farina manitoba + qualche cucchiaio durante l'ultima lavorazione

- 160 gr burro

- 1 cubetto di lievito

- vanillina

- 1 pizzico di sale

- 80 gr scorza di arancia candita

- buccia grattugiata di 1 limone e di 1 arancia

- 5 / 6 cucchiai di latte

- 3 uova

- 3 tuorli

- acqua tiepida q.b.

- 140 gr zucchero

per la glassa:

- 100 gr mandorle ridotte in farina

- 80 gr zucchero vanigliato

- 80 gr albume d'uovo

- granella di zucchero

- mandorle non spellate

Preparazione:

1° impasto: Impastare 60 gr di farina 00 con il latte ed il lievito. Fare riposare 20 minuti coperto ed al caldo.

2° impasto: al panetto lievitato unire la restante farina 00 e acqua tiepida per ottenere un impasto morbido.Lasciare lievitare 30 minuti coperto ed al caldo.

3° impasto: al panetto unire 115 gr di farina manitoba, 50 gr burro, 30 gr zucchero. Fare lievitare 1 ora e 30 minuti coperto ed al caldo.

4° impasto: al panetto unire 200 gr di farina manitoba, 110 gr burro, 110 gr zucchero, sale, vaniglia, buccia degli agrumi, 3 tuorli e impastare a lungo finchè tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati. Unire le 3 uova, una per volta e poca farina, solo quella necessaria per riuscire ad impastare. Per ultimo unisco i canditi.Fare lievitare per 8 ore.Riprendere l'impasto e lavorarlo qualche istante per sgonfiarlo e metterlo nello stampo sagomato a colomba.Fare lievitare 5 / 6 ore.

Fare la glassa: Mescolare la farina di mandorle con lo zucchero al velo vanigliato e l'albume leggermente battuto.Spennellare la colomba e cospargerla con granella di zucchero e mandorle intereCuocere in forno a 180° per 10 minuti, poi a 160° per 30. Dopo i primi 20 minuti coprire il dolce con carta forno per non farlo colorire troppo.

RICETTA N° 3

Ingredienti:

- 4 uova

- 400 farina Manitoba

- 125 gr.di farina 00

- 140 gr. di zucchero semolato

- 40 gr. zucchero vanigliato

- 140 gr. di burro

- 5 gr. di lievito di birra

- 125 ml. di latte

- 140 gr. di arancia candita

- 5 gr. di miele

- 1 pizzico di sale

- 1 fiala di essenza di limone

Per la glassa:

- 50 gr. di mandorle dolci pelate

- 5 gr. di mandorle amare

- 100 gr di zucchero semolato

- 1 cucchiaio di farina 00

- albumi q.b.

Per decorare:

- Mandorle dolci non pelate q.b.

- Granella di zucchero q.b.

- Zucchero vanigliato q.b.

1° lavorazione Poolish
La sera fare il poolish con 5 gr. di lievito di birra, 125 ml. di latte tiepido e 150 gr. di Manitoba. Lasciar lievitare tutta la notte, finchè non triplica di volume. Quando inizia ad affossarsi nel centro ha raggiunto il massimo della lievitazione
2° lavorazione (la mattina)
Stemperare il poolish con 95 gr. di acqua tiepida, unire 70 gr. di zucchero e un tuorlo ed amalgamare bene. Quindi unire 250 gr di farina manitoba e lavorare bene. Unire l'altro tuorlo e farlo assorbire. L'impasto deve essere elastico e non si deve attaccare alle mani quindi unire il burro appena ammorbidito.
Mettere la pasta a lievitare nel forno con la luce accesa finchè non è triplicato di volume (circa 3/4 ore).
Tritare grossolanamente metà dei canditi con un po' di zucchero.
3° lavorazione
Riprendere l'impasto ed unire 25 gr. di acqua tiepida, 70 gr. di zucchero, 5 gr. di miele e 1 tuorlo. Lavorare e dopo alcuni minuti aggiungere 125 gr di farina 00. Unire l'altro tuorlo e farlo incorporare. L'impasto al solito deve essere elastico e nervoso.
Aggiungere il sale, l'essenza di limone, lo zucchero di vaniglia, 70 gr. di burro ammorbidito lavorare appena e infine unire i canditi (tritati e non), lavorare e poi far riposare per circa un'ora.
4° lavorazione
Riprendere l'impasto fare tre filoni uno lungo per il corpo della coloma e due piccoli per le ali. Rimettere a lievitare in forno con la luce accesa per 3/4 ore, finchè non sarà triplicata.
Preparare la ghiaccia tritando le mandorle con lo zucchero; unire la farina e infine gli albumi lentamente. La consistenza deve essere piuttosto densa altrimenti cola tutto sul fondo dello stampo invece di rimanere sopra la colomba.
A metà della lievitazione versare la ghiaccia sopra la colomba e finire la lievitazione.
Quindi togliere dal forno, portare il forno a 170° (160° per il mio) decorare con mandorle e granella di zucchero e ricoprire di zucchero vanigliato.

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Statistiche

Iscriviti ai feed

puoi farlo anche via email:

Delivered by FeedBurner

Scrivi a gancjo

Translate this blog

parola di gancjo in...
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Lettori che mi seguono

Antipixel