• TWJTTER
  • TWJTTER

Follow me...


Avvertenze

Parola di gancjo non puo’ considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001.

L’ Autore non ha alcuna responsabilita’ sui contenuti dei siti in collegamento, sulla qualita’ o correttezza dei dati. Egli si riserva la facolta’ di rimuovere le informazioni, fornite da terzi, ritenute offensive o contrarie al buon costume.

Le immagini sono correlate agli argomenti di cui si scrive. Alcune, sono provenienti da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora i soggetti proprietari fossero contrari alla pubblicazione non dovranno far altro che segnalarlo in modo da poter procedere ad una rapida eliminazione.


Creative Commons License Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.


Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Post più popolari

La TV la guardo con Firefox

Scritto da Massimo Ferraris giovedì 30 aprile 2009 0 commenti

Utilizzo Firefox regolarmente in Ubuntu, poichè lo trovo versatile e veloce. Mi piace anche per un altro motivo, cioè per la sua capacità "camaleontica" di trasformarsi in altre applicazioni, all'occorrenza. 
Tutto questo grazie alla miriade di plugin che continuano ad essere prodotte e che facilitano la vita dei navigatori.
Uno di questi che ho "piacevolmente" provato è TV-Fox, con il quale è possibile trasformare il browser in uno schermo TV. Grazie alla quantità non indifferente di canali riproducibili in streaming, questa applicazione aiuta il navigatore a scegliere i canali per idioma, contenuto e qualità. Diverse opzioni permettono ad esempio la visione multipla, oppure la registrazione dei programmi.
Per chi crede di trovare tutti i canali in italiano avrà un'amara sorpresa: sono veramente pochini...
Comunque un plugin da tenere in considerazione, per (speriamo) positivi sviluppi futuri... gancjo...

Ubuntu: navigazione a zoom

Scritto da Massimo Ferraris 2 commenti

Mi rendo conto che non è facile da spiegare, poichè essendo abituati a navigare per finestre l'idea di utilizzare metodi alternativi vanno a smuovere "antiche usanze" dure a morire.
Eagle Mode usa la rotella del mouse per entrare nelle cartelle, aprendole come si farebbe con uno zoom della macchina fotografica. L'effetto è molto bello, come pure l'idea di per sè. Tutto sta a vedere l'impatto che avrà sul pubblico. 
Per adesso rimango fedele al doppio click, ma vale comunque la pena dare un'occhiata al filmato qui sotto.

Un salvagente nel mare di Twitter

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

La vasta popolarità di questo microblogging ha fatto si che dietro ad esso sono nati decine di software, utility e plugin. Non sempre è facile con un motore di ricerca andare a scovare quello che ci interessa. Le poche informazioni che ci vengono fornite nei risultati ci obbligano ad un "fastidioso" apri e chiudi di siti che alla fine ci "stufano" e ci fanno desistere.
Per fortuna, come è già successo per altre applicazioni "top ten", qualcuno ha pensato di riunire in una pagina tutto ciò che è legato al mondo Twitter, per una rapida e facile ricerca.
Twitter Little Star a prima vista risulta molto ben strutturato e facile da navigare, grazie alla visualizzazione tramite miniature che riescono a farne capire il contenuto "a colpo d'occhio".
Per gli amanti del "genere" un sito da non perdere... gancjo...

Come aggirare i 140 caratteri di Twitter

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 29 aprile 2009 0 commenti

Una grossa limitazione che incontra chi utilizza Twitter è quella della grandezza del testo, che non può superare i 140 caratteri. Tra i tanti metodi studiati per "aggirare l'ostacolo" ce n'è uno che può apparire non bello alla vista, ma utile allo scopo: Twitter Compressor.
Come dice il nome la sua funzione è quella di comprimere un testo, ma non come farebbe un programma come Winzip o Winrar (per citare i più conosciuti), bensì intervenendo sugli spazi tra le parole ed eliminandoli. La prima lettera della parola viene sostituita con la lettera maiuscola, per dare in questo modo un senso "all'accozzaglia" di caratteri.

Il limite estremo di una URL

Scritto da Massimo Ferraris martedì 28 aprile 2009 0 commenti

Accorciare e allungare le URL pare uno sport molto in voga su internet. Se solo fino a poco tempo fa tali servizi venivano forniti da pochi, oggi ci troviamo davanti ad un proliferare estremo di tali utilità. 
Se scartiamo quelle che ci forniscono indirizzi pieni di simboli numeri e lettere, possiamo puntare verso qualcosa che possa regalarci la possibilità di avere "in bocca" qualcosa di pronunciabile.
U.nu è sicuramente l'estensione più breve presente sul mercato. Collegandosi al sito ed inserendo il proprio URL vi rimanderà immediatamente il nuovo indirizzo, che nel caso di parola di gancjo è: http://u.nu/3iy.
Utile e comodo (per chi serve...).

Le scorciatoie da tastiera

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Comincio subito col dire che per me la tastiera serve esclusivamente per scrivere, se vogliamo togliere quei quattro comandi che ogni tanto uso, ma mi rendo conto che l'utilità di queste scorciatoie è davvero preziosa. Più che altro per velocizzare il lavoro e non essere continuamente costretti ad usare mouse e menù.
C'è in rete chi ne ha fatto una "ragione esistenziale" e ha creato un sito dove sta raccogliendo tutte le combinazioni possibili legate alle applicazioni più famose.
ShortCutWorld è diventato un vero contenitore ne quale sono presenti scorciatoie che neppure sapevamo che esistessero.
Il sito è in continuo aggiornamento e ringrazia tutti quelli che vogliono partecipare al progetto. Ad oggi le applicazioni presenti ed il numero di scorciatoie è il seguente:

     * Firefox (50 collegamenti)
     * Winamp (83 collegamenti)
     * Word (246 collegamenti... impressionante!!!)
     * Excel (239 collegamenti... a ruota!)
     * PowerPoint (155 collegamenti)
     * Fireworks (84 collegamenti)
     * Windows XP (13 collegamenti)
     * Chrome (45 collegamenti)
     * Photoshop CS4 (462 collegamenti... il deus ex machina dei programmi!)
     * Outlook 2007 (327 collegamenti... dubito che ne imparerò solo che uno...)

Creare storyboard in 3D

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Xtranormal è un sito completamente gratuito tramite il quale poterci divertire a creare animazioni in 3D. Il tutto con la tecnica del "trascinamento". Possiamo scegliere i personaggi, le azioni da fargli compiere, l'impostazione della fotocamera e gli oggetti da inserire come sfondo. Inoltre si ha la possibilità di far pronunciare frasi ai personaggi.
Al momento il sito è in manutenzione, per cui non mi è stato possibile appurare se è presente anche il nostro idioma. Potete comunque trovare molti esempi di cosa è possibile fare facendo un giro sull'onnipresente YouTube.

Dimmi come scrivi e ti diro’ da dove vieni

Scritto da Massimo Ferraris lunedì 27 aprile 2009 0 commenti

lang-id-guy Mi è capitato ultimamente di trovare delle immagini in internet veramente belle. Si trattava di paesaggi con sfondi caratteristici e di non facile individuazione. La didascalia sottostante era scritta in un idioma impossibile che a mia memoria non avevo mai visto.

Ho messo l’URL nei preferiti in attesa di “dipanare la matassa” e trovare un appiglio su quale lingua fosse. Ebbene, eureka eureka!, un aiuto mi è arrivato da un sito che riconosce l’idioma inserendo brevi frasi. LangID funziona in diversi modi: o facendo copia/incolla del testo, oppure inserendo il link alla pagina “misteriosa”. In breve ci ritorna il risultato della ricerca con una precisione del 100%.

Se volete fate delle prove: su cinque fatte da me non ne ha sbagliata una.

Ah, a proposito: la lingua che non conoscevo era il tagalog, tradotto in modo molto approssimativo da Google Translate… gancjo…

arista Mi rendo conto che al giorno d’oggi la moltitudine di formati proprietari rende la “vita dura” a chi si ritrova tra le mani un file video e lo vuole riprodurre col suo “aggeggio” multimediale. Nel 99% dei casi il formato non viene riconosciuto e di conseguenza la rabbia (e la voglia di buttare via tutto…) esplode.

Il convertitore universale non è stato ancora inventato, ma ottimi software che riescono a trasformare un formato in un altro, rendendo possibile la visione, esistono. Freeware o a pagamento che siano eseguono degnamente il proprio lavoro, per cui ben venga anche questa nuova applicazione, ancora in fase di sviluppo, dedicata agli ambienti gnome, e in paticolar modo sviluppata per Ubuntu 9.04.

Arista fa della semplicità il suo punto di forza. I comandi (per scelta) sono ridotti al minimo, per permetterne l’utilizzo a tutti. Scegliere il video, il formato di destinazione ed iniziare la conversione, questo è tutto.

Prelevate il file, arista-0.8.tar.gz, dcomprimetelo ed installatelo nella directory con il comando

sudo python setup.py install

quindi eseguitelo con

arista-gtk &

Technorati Tag: ,,

netvideohunter Trovo assolutamente versatile Firefox come browser, grazie allo sconfinato numero di plugin esistenti. Tutte le principali funzioni legate al blog le ho integrate in esso (lettore feed, editor, meteo, news, downloader, ecc…) per avere in questo modo uno strumento per “ogni occasione”.

Non passa giorno che blog più blasonati del mio non ne segnalino qualcuno. In questo momento quelli legati ai video vanno per la maggiore, e quindi perchè non consigliarne uno che funziona come downloader, lettore (anche in full screen) e motore di ricerca?

Net Video Hunter è la risposta ad ogni esigenza in fatto di video “e dintorni”. Può prelevare filmati da tutti i principali “serbatoi della rete (Youtube, Google video, Metacafe, e altri). Seguite il link ed installatelo: come ogni buon plugin per Firefox che si rispetti è gratuito!

Technorati Tag: ,,

L’alfabeto del mondo secondo Google Map

Scritto da Massimo Ferraris domenica 26 aprile 2009 0 commenti

alpha-map670 Un ricercatore australiano si è divertito a “spulciare” le mappe di Google cercando luoghi che potessero ricordare le lettere dell’alfabeto. Dopo tanto lavoro è riuscito ad individuarle tutte e le ha catalogate luogo per luogo.

Un lavoro ”madornale” che però non è ancora finito, poichè la ricerca di caratteri sempre più definiti  continua. Nel frattempo gustiamoci queste meraviglie che la natura (e non solo…) ci regala.

Chi volesse sapere dove si trovano i posti legati alle lettere non deve far altro che cliccare sui caratteri di seguito (della Y non si sa nulla, a voi scoprirlo…).

a, b, c, d, e, f, g, h, i, j, k, l, m, n, o, p, q, r, s, t, u, v, w, x, y, z

Windows XP duro a morire

Scritto da Massimo Ferraris 3 commenti

win7-xp Quando leggo notizie come questa mi rendo conto di quanto il passato è fatto di cose che non si possono dimenticare. Mettiamo ad esempio la Microsoft che sta ultimando la versione di 7, dopo averci lavorato duramente per fornire un prodotto che non ci faccia storcere il naso come è accaduto con Vista.

Quest’ultimo, sin dalla nascita, ha mostrato segni di “squilibrio”, facendo le bizze con tanti programmi che sino al giorno prima giravano meravigliosamente. Interi settori lavorativi si sono trovati spiazzati dopo l’aggiornamento, con applicazioni professionali bloccate e conseguente arresto della produzione. Una vera catastrofe dovuta ad un piccolo particolare: Microsoft aveva perseguito la strada del “nuovo”, senza imboccare quella della “compatibilità”.

Una grave manchevolezza che ha relegato Vista in secondo piano ed un ritorno ad XP. Ma questa lezione (fatta a suon di patch) sembra essere stata capita, grazie anche alle migliaia di proteste degli utilizzatori e, più importante, delle software house che vedevano girare su piattaforma Windows XP la maggior parte dei propri titoli.

Non stupisce quindi quello che Microsoft ha intenzione di fare. Oltre a rendere la compatibilità più ampia possibile, ha sviluppato una macchina virtuale XP all’interno di 7. La versione, che dovrebbe essere quella contenente il service pack 3, potrà essere scaricata gratuitamente dagli utenti regolari dal sito ufficiale ed avrà una licenza sua.

In questo modo si dirà basta ai problemi sorti sino ad ora e le case software potranno dormire sonni tranquilli, sapendo che i loro prodotti “passati e futuri” riusciranno a convivere ancora per molti anni.

Se questo non è un colpaccio della Microsoft… gancjo…

Ubuntu: nuovo VirtualBox 2.2

Scritto da Massimo Ferraris venerdì 24 aprile 2009 4 commenti

Come tutti sanno, VirtualBox è uno dei programmi di virtualizzazione più usati. Con esso possiamo "divertirci" ad avere più sistemi operativi sullo stesso pc, facendoli convivere "felicemente e separatamente".
La nuova versione, la 2.2, può essere installata su Ubuntu grazie alla presenza del repository aggiornato. Come al solito per averlo occorre modificare la sources.list. Quindi digitiamo, nel terminale:
sudo gedit /etc/apt/sources.list
Aggiungiamo le seguenti righe:
#VirtualBox 2.2
deb http://download.virtualbox.org/virtualbox/debian intrepid non-free
Salviamo ed importiamo la chiave pubblica con:
wget -q http://download.virtualbox.org/virtualbox/debian/sun_vbox.asc -O- | sudo apt-key add -
Diamo una "rinfrescata" al sistema:
sudo apt-get update
E quindi installiamo VirtualBox con:
sudo apt-get install virtualbox-2.2
Fatto!

Evidenziare particolari in una foto

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Con tutti i software e le web applications che oggi giorno sono presenti in rete, anche chi non ha le capacità di un art designer può comunque realizzare ottimi (forse discreti è meglio...) effetti sulle immagini.
Non serve quindi avere Photoshop o Gimp installato sul pc, con tutta la loro "miriade" di plugin ed effetti a volte incomprensibili e dispersivi. Ogni effetto che abbiamo in mente di applicare trova la sua risposta in rete.
Come ad esempio quello di evidenziare particolari per dare un effetto di risalto. Più che le parole serve una sola immagine per capire ciò che Tilt Shift Maker può fare... gancjo...
Ah, a chi interessa esiste una nutrita serie di "fans" su Flickr a questo indirizzo.

Messaggi da veri agenti segreti

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Avete paura che la vostra posta possa essere intercettata? Avete uno scambio di informazioni per cui nessuno, a parte l'interlocutore, deve venire a conoscenza del contenuto? La soluzione c'è ed è a portata di mano, per di più gratis. Secrets, la cui versione attuale è ancora in fase beta, permette l'invio di qualsiasi tipo di testo sotto forma di messaggio criptandolo tramite password. Tramite una serie di algoritmi crittografici, il mesaggio viene reso illeggibile ed impenetrabile (almeno per i comuni mortali...).
Chi lo ricxeve non fa altro che inserire la password (direi che conoscerla è indispensabile...) e ritrovare così il testo comprensibile.
Allo studio degli sviluppatori anche alcuni plugin, tra i quali alcuni installabili sui più comuni browser.

La “moltitudine” dei numeri primi

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 22 aprile 2009 2 commenti

logo Matematica che passione!… Confesso che mi è sempre piaciuta, forse perchè appartengo a quei pochi fortunati che hanno avuto un maestro alle elementari che mi ha insegnato i numeri partendo dalle tabelline e non dalle calcolatrici. Quella “nenia” di 2x2, 6x7, 9,5 e via di seguito mi è rimasta in testa, quasi fosse una poesia. E devo dire che è servito.

Sicuramente la propensione verso i numeri gioca un punto a favore, ma un piccolo sforzo può dare buoni risultati… Vabbè, lasciamo perdere, non vorrei dare un duro colpo a chi mi segue…

Anche se tutto il “pistolozzo” iniziale può sembrare ai più inutile, voglio segnalare un sito dedicato alla matematica (in lingua inglese, ma i numeri son sempre numeri…) dove tra le tante cose ci fornisce un calcolatore di numeri primi. Basta inserire la cifra ed immediatamente ci darà il responso se effettivamente si tratta di un numero primo, altrimenti di tutte le cifre per il quale è divisibile.

Quando capitate su Math.com fateci un giro: è davvero interessante!

Technorati Tag: ,

speedtile-logo-beta Se volete organizzare le vostre pagine web preferite, magari dividendole per tipologia o interesse, e le volete sempre a “portata di browser” da qualunque postazione vi trovate, allora è il caso di fornirvi di Speedtile. Questa comoda applicazione ci permette il salvataggio dei siti preferiti e ce li mostra sotto forma di miniature, per una più immediata consultazione.

Chi usa Firefox ha la possibilità di prelevare il plugin che aggiunge al menù la voce “Bookmark with Speedtile”, trasferendo in automatico la pagina visualizzata al “contenitore”.

Ubuntu: disponibili le release candidate di Jaunty Jackalope

Scritto da Massimo Ferraris lunedì 20 aprile 2009 2 commenti

Nonostante mancano pochi giorni (il 23 aprile) all'uscita del nuovo 9.04, è già da parecchio che si hanno continui aggiornamenti delle varie alpha, sino alla versione beta ritenuta la più vicina al prodotto finale.
Per chi proprio non resiste alla tentazione di avere già "la creatura" installata sul proprio computer, per essere pronto all'uso già da subito, è stata resa disponibile la versione "release candidate", praticamente quella finale.
Tutte le versioni che "gravitano" attorno ad Ubuntu hanno avuto la loro, e sono scaricabili dai link sottostanti:
Buon download... gancjo...

Scrivere senza distrazioni

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Che lo si faccia per diletto o per lavoro, scrivere è una delle forme di comunicazioni più usate. Dai libri stampati ai PC la scrittura non ha mai perso il suo valore, nonostante sia stata arricchita da altri contenuti quali le immagini e i video.
Riuscire a creare qualcosa degno di essere trasmesso è comunque più difficile di un tempo, quando valenti letterati e giornalisti si mettevano davanti ad una macchina da scrivere Olivetti ed iniziavano a battere sui tasti. La frenesia odierna, dove scrivere vuol dire buttare un occhio ai feed, un'altro alla posta elettronica ed un terzo (?!?) a Google mina parecchio l'attenzione di chi si accinge a scrivere un pezzo. Questo perchè tutta quella serie di "contorni" mettono a dura prova la concentrazione.
Ma qualcuno ha pensato anche a questo, regalandoci un editor di testo alquanto squallido ma "stringato" ed efficace: WriteMonkey (Windows only...). Un bel testo verde su sfondo nero a quanto pare regala riposo per gli occhi, aumenta la concentrazione ed evita distrazioni di sorta.
Scrivere un pezzo con questa applicazione riduce i tempi morti, con quindi un aumento della produttività e della qualità del contenuto (mah!...).
Sicuramente l'editor del futuro per impiegati "farfalloni"... gancjo...

Costruitevi il vostro sistema Linux personale

Scritto da Massimo Ferraris sabato 18 aprile 2009 2 commenti

susestudio Quello che sembrava impossibile sino a pochi anni fa ora è a disposizione di tutti. O quasi, nel senso che il progetto è ancora in fase alpha ed accessibile solo su invito (che io non sono ancora riuscito a trovare… grrr!…). SUSE Studio offre a tutti la possibilità di “confezionare” un sistema Linux integrandolo solamente con il software desiderato.
In questo modo si avrà a disposizione qualcosa di veramente personale, con la sicurezza di avere alle “spalle” un solido e blasonato sistema operativo come è SUSE.
Per farvi un’idea di quello che sarà possibile fare date un’occhiata al video introduttivo.
Non vedo l’ora di metterci le “zampe” sopra… gancjo… Ah, a proposito: chi mi volesse invitare mi trova qui…
Precisazione (19.04.09): l'amico DarkMaster, guru di OpenGEU, nel commento che segue il post spiega le ragioni per cui affidarsi a SUSE non sia affatto na buona idea. Lascio ai lettori il libero arbitrio... gancjo...

logo Allora usate un browser che ricorda in tutto e per tutto IE, ma che contiene sicuramente meno bug e più affidabilità. Avant Browser, questo è il suo nome, è sviluppato sul motore di Explorer, ma possiede molte caratteristiche che “sfuggono al cugino”.

Di seguito le novità più interessanti:

  • Lettore RSS integrato;
  • possibilità di programmare le funzioni del mouse;
  • servizio di archiviazione dati;
  • possibilità di personalizzare lo skin;
  • memoria delle ultime pagine visualizzate quando si riapre il browser;
  • popup blocker intelligente;
  • maggiore velocità di caricamento;
  • filtri per animazioni flash e componenti ActiveX.

Inoltre è esente da adaware e spyware e completamente gratuito. Tutte le impostazioni possono essere prelevate da IE e funziona solo con sistemi Windows.

Non è ancora in grado di leggere il pensiero, ma ci stanno lavorando… gancjo…

CometDocs il convertitore universale

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

logo_cometdocs La definizione, anche su un po’ forte, è sicuramente azzeccata per questo sito che promette di convertire qualsiasi tipo di file in un altro. Ad esempio possiamo trasformare un file PDF in HTML, Autocad o in vari formati Office compatibili.

Le quantità di combinazioni offerte da CometDocs sono parecchie e tutte da scoprire. Difficilmente troveremo qualche trasformazione “impossibile”.

L’unico modo per capirne il funzionamento è provando, tenendo presente che gli utenti non registrati possono convertire al massimo 3 documenti contemporaneamente.

Ridurre le foto in modo intelligente

Scritto da Massimo Ferraris venerdì 17 aprile 2009 0 commenti

SEAMonster Logo Quello che più da fastidio, quando cerchiamo di variare le dimensioni di un’immagine, è il modo con cui il compito viene eseguito. Qualsiasi programma che andiamo ad usare agisce su due punti in particolare: i margini e il contenuto.

Usando Seamonster possiamo invece stare tranquilli che la nostra foto non rischierà di perdere in qualità. Infatti, usando un algoritmo chiamato Sea Carving, questa applicazione esegue una scansione dell’immagine individuando le zone che meno risentirebbero di una maggior compressione, eliminandole.

In questo modo avremo tra le mani qualcosa che a vista d’occhio non discorda dall’originale. Il programma funziona solo con sistemi Windows che abbiano installato il Microsoft Net Framework 2.0.

Allungare le URL

Scritto da Massimo Ferraris giovedì 16 aprile 2009 0 commenti

In questo tempo in cui tutto va di corsa ed ogni cosa deve essere fatta nel più breve tempo possibile e (possibilmente) bene, un sito che invece di accorciare gli indirizzi li allunga può essere un paradosso.
Sembrerebbe così, ma invece quello che offre LongURL è un ottimo servizio e vi spiego perchè. Siti cone TinyURL offrono gratuitamente di accorciare il proprio indirizzo web in pochi caratteri, avendo come risultato una stringa corta e veloce, ma... incomprensibile! Il rischio, in questi casi, è di accedere a siti non proprio "candidi" e magari beccarsi pure qualche "brutta malattia"...
Perciò, prima di cliccare con massima fiducia su questa "accozzaglia" di simboli, perchè non proviamo ad inserire la stringa in LongURL? Dopo qualche secondo avrete la "magia" di ritrovarvi tra le mani l'URL ufficiale, che magari non potrà dirvi molto di più, ma inserendolo su Google potreste salvare il PC da virus o altro...
Prevenire è meglio che curare... gnacjo...

Ti accorgi di quanto sia ormai datato il tuo PC (o poco potente) quando provi a giocare con gli ultimi titoli dei videogiochi. Come sempre le risorse richieste aumentano mese dopo mese, uscita dopo uscita, rendendo la macchina in poco tempo un "pezzo da museo".
Ma non sempre è così. A volte la mancanza di performance è dovuta all'alto numero di applicazioni (le più sconosciute a noi "mortali") che lavorano in background e richiedono memoria ram e uso della cpu. Un'ottimizzazione è quello che ci vuole quando ci accingiamo a lanciare il gioco, ma farlo manualmente è una cosa praticamente imposibile. 
Un valido aiuto può arrivare da Game Booster che, come dice il nome, si occupa di lanciare il gioco. E lo fa in modo impeccabile, andando a settare i parametri più "avidi" di risorse. Il procedimento è reversibile, perciò una volta finito di divertirsi possiamo tornare al puno di partenza.
Funziona su Windows XP, Vista e anche sull'ultima versione release candidate di 7.

Ubuntu: restricted extras off-line installer

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 15 aprile 2009 0 commenti

ubuntu_codecs Nonostante il titolo di questo post sia alquanto “oscuro”, quello che promette però vale la pena di essere preso in considerazione. Si tratta di un pacchetto utile in caso di installazione di software ed utility importanti quando non si dispone di una connessione internet.

Tra “il ben di Dio” presente troviamo VLC media player, Adobe flash, java runtime environment, supporto per la riproduzione di DVD, codec audio e video, fonts Microsoft e altre “delizie”.

Ubuntu restricted extras off-line installer  è scaricabile da qui ed installabile in due semplici passaggi:

  • una volta scaricato estrarre l’archivio tar.gz
  • eseguire il comando install.sh presente nella cartella creata come root

Seguite le istruzioni ed avrete il sistema aggiornato.

Kuki Linux per portatili Acer

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

200px-Guang_Hua_Digital_Plaza_Launch_Acer_Aspire_One Voglio segnalare una distribuzione interessante che sfrutta pienamente le caratteristiche dell’Acer Aspire One. Sviluppato proprio su e per questa macchina, Kuki Linux è in pratica un fork del sistema operativo Ubuntu alleggerito e dotato di desktop XFCE.

Il risultato finale, dopo essere passato attraverso diverse release alquanto sfortunate, è di tutto rispetto e pone l’Acer Aspire One quale diretto concorrente (e a pieno merito) dei vari Eee pc.

Se ne siete fortunati possessori non è proprio il caso di farvelo scappare.

Tutti gli archivi in una pendrive

Scritto da Massimo Ferraris martedì 14 aprile 2009 0 commenti

La compressione e la cifratura di files sono ormai una cosa usuale. Cercare di ridurre lo spazio comporta notevoli vantaggi per il trasporto dei dati. Nonostante i supporti odierni permettano uno "stoccaggio" non da poco, il cercare di recuperare anche solo qualche MB fa sempre piacere.
A chi può interessare segnalo una comoda applicazione che funziona senza bisogno di installazione, quindi portabile ovunque su pendrive, in grado di gestire con professionalità gran parte dei formati più diffusi (e non solo).
SimplyZip, che a discapito del suo nome non è mirato solo al classico file zip, gestisce archivi con estensione ZIP, CZIP, ACE, CAB, RAR, TAR, GZIP, LZH, BZ2, SQX, RS, UUE, XXE, BASE64, UCL, ARJ, ZLIB, ALIB, RPM, DEB e 7-ZIP.
Allo stesso modo crea lui stesso archivi nella forma 7z, ZIP, CZIP, Cab, LHA, TAR, TAR GZ TAR BZ2, ACE (DLL opzionale), Deepfreezer, SQX, UCL, RS, ZIP-SFX/LHA-SFX, RAR-SFX, UUE/XXE, ZLIB e  Base64.
Se poi aggiungiamo che può essere usato per la cifratura ne possiamo concludere che abbiamo tra le mani un prodotto davvero completo.
Il tutto freeware e per Windows. 

Alzi la mano chi di voi, almeno una volta, non è rimasto con in testa un motivetto che lo ha "massacrato" per ore se non per giorni, senza sapere dove andare a pescarlo... Vedo che l'orizzonte è sgombro di braccia...
Sono le classiche musiche orecchiabili, il più delle volte hits del momento o classici del passato che chissà come mai si incastonano proprio bene nelle scene che ci scorrono davanti agli occhi. Il film passa, ma non loro!
Un esempio di questo tipo sono i telefilm, specialmente le serie che vanno per la maggiore. Un vero "contenitore" è Smallville, molto ben fatto e con una colonna sonora sempre azzeccata.
Ora però avete finito di tormentarvi: terminato l'episodio correte subito su internet, collegatevi a Heard on TV, inserite il titolo, la stagione ed il  numero di episodio. In poco (il tempo di un click!) avrete i titoli dei brani presenti nel telefilm selezionato.
Se poi volete di più potete vedere il filmato della canzone con il tastino che rimanda a Youtube.
Comodo, ma aoccorre sempre conoscere qualche dato sulla puntata, altrimenti il "martellamento" resterà. L'unica alternativa a questo punto sarebbero un paio di aspirine... gancjo...

Ricercare doc e pdf da browser

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Chi usa Firefox (come il sottoscritto...) conosce benissimo le potenzialità di questo browser. Intorno a lui è nata una "rete" di plugin che abbracciano tutto ciò che la rete può offrire. Giochi, applicazioni e servizi utili hanno il loro "tastino" che va ad integrarsi nella "volpe di fuoco".
OutWit aiuta il navigatore nella ricerca di documenti in formato .doc e .pdf, alquanto snobbati dai principali motori. Non che questi non siano presenti, ma i risultati ci mostrano una serie di documenti per lo più inutili o sconosciuti. Tra questi potrebbe esserci "il perno" del nostro lavoro, quindi è bene avere un'anteprima di ciò che andiamo a cercare.
Questo plugin ci fornisce i risultati sotto forma di icone, come se li stessimo visualizzando in una finestra di esplora risorse. Passandoci sopra con il mouse potremmo scoprirne il contenuto e consultarlo. Se ciò che abbiamo trovato ci aggrada, potremo scaricare un file singolarmente o anche più insieme.
Funziona con tutte le versioni e, essendo integrato nel browser, con qualsivoglia sistema operativo.

Il nostro muro personale

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Per chi si sente artista dentro, e non uole perdere tempo a scrivere messaggini, esistono reti sociali alternative dove poter conoscere altri utenti con la propria passione, come ad esempio quella del disegno (ed arti grafiche in generale). Un sito simpatico è DoodleWall, dove con una semplice registrazione abbiamoa disposizione il nostro "muro" da poter condividere. 
Non aspettatevi niente di eclatante. Solo qualche pennello e colore da selezionare, ma non per questo un limite per chi ha tanta voglia di creare. Nato per fornire una "valvola di sfogo" per i bambini, piano piano è diventato un dominio quasi esclusivamente frequentato da adulti.
Vale la pena farci un giretto... gancjo...

Auguri di Buona Pasqua comunque…

Scritto da Massimo Ferraris domenica 12 aprile 2009 0 commenti

L'aquila come era e come sarà... Giorno di festa ed affetti familiari, di riflessione e di speranza. Nel mio piccolo non ho grandi messaggi da inviare, ma solo un grande augurio affinchè l’Italia dimostri di essere sempre unita come è accaduto in questi giorni. L’Abruzzo ha sentito l’affetto di chi fa parte di questo strano territorio a forma di stivale. Quindi Buona Pasqua a tutti gli amici lettori d’Italia e specialmente delle zone colpite dal sisma. Ognuno di noi vi è stato vicino, anche solo alzando la cornetta ed offrendo due euro… gancjo…

Technorati Tag:

La tecnica dello slow motion

Scritto da Massimo Ferraris sabato 11 aprile 2009 0 commenti

Non sarà certo una novità, poichè è stata inventata dal professor August Musger nel lontanissimo 1904, ma resta comunque un’arte affascinante. Parlo dello Slow Motion, cioè quel tipo di ripresa cinematografica che permette di vedere cosa succede in quelle situazioni che accadono in un attimo, dilatando il tempo sino a cogliere sin nel più piccolo particolare la dinamica.
Ho perso mezzo pomeriggio (invece di andare a fare un giro pre-pasquale…) cercando filmati su Youtube, Google Video e Vimeo e ne ho scovati una quantità incredibile, uno più bello dell’altro. Non sapendo cosa mostrarvi e per non rischiare di diventare una succursale replicante di Youtube, ne ho scelti due a caso.
A voi la voglia di vederne altri: basta  inserire nella casella di ricerca “slow motion”.

WinZip 12 pronto e con molte novità

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti




Ricordo quando Winzip era l'unico compressore utilizzato. Parlo di quando Windows 95 era una delle meraviglie mondiali e quindi il primo vero e proprio sistema operativo a "misura d'uomo". Dato l'esigua memoria degli hard disk allora disponibili (averne uno da 512 MB era roba da signori...), si ricorreva spesso e volentieri a questa applicazione che permetteva di ottimizzare lo spazio.
Ne è passata di acqua sotto ai ponti, ma Winzip ha resistito ed è giunto alla versione 12. Nonostante grandi concorrenti si contendano lo "scettro" di migliore gestore di archivi (Winrar, 7-zip o IZArc), una grande fetta di utilizzatori sembra non voler mollare questa "pietra miliare" del software. E per accontentarli Winzip ha implementato nuove funzioni che l'hanno reso ancora più appetibile, come ad esempio la compatibilità con archivi del tipo ISO, RAR e 7-zip.
Ma non è tutto: per chi lavora con le immagini è ora possibile comprimere il formato JPEG sino al 25% senza perdita di qualità visiva. Inoltre i file zippati contenenti immagini vengono visualizzati sotto forma di miniature senza bisogno di scompattarli.
Nonostante sia un software commerciale, possiamo scaricarne una versione a tempo completamente funzionante, per darci modo di provare il prodotto ed eventualmente acquistarlo.

Le web applications sono quei meravigliosi strumenti che rendono la vita dell'utilizzatore PC più semplice. Senza bisogno di dover installare centinaia di MB di software sulla propria macchina, basta avere un collegamento ad internet (e ormai chi non ce l'ha...), un buon motore di ricerca (Google?...) e a portata "di mouse" ciò che ci serve.
Prendiamo ad esempio gli archivi: ce ne sono di tutti i tipi ed ormai, invece di semplificare, le software house ne sfornano di continuo cercando di rendere la "propria creatura" quella di riferimento, ma con il risultato finale che la confusione finisce per "imperare" sempre di più.
Gli utilizzatori medi hanno sul proprio PC quelle quattro applicazioni (Adobe reader, Winzip, Winrar...) che utilizzano comunemente, perciò quando si trovano a dover "combattere" con estensioni strane il più delle volte gettano la spugna.
E' un peccato, poichè spesso ciò che si accantona potrebbe essere di grande importanza per le nostre ricerche.
Ma torniamo alle web applications; YouConvertIt è un sito totalmente free specializzato in conversione di files. Certo non pensate di poter trovare tutto lo "scibile software", ma certamente è un buon punto di partenza per trasformare ciò che gli "diamo in pasto" in qualcosa di "digeribile" dalla nostra macchina.
Usarlo è semplice: basta fornire un indirizzo email valido, caricare sul loro server sino ad un massimo di 5 files simultanei ed attendere la risposta via posta elettronica.
Un ottimo servizio da mettere nella famosa "cassetta degli attrezzi".

Lupo Pen Suite, il software in tasca

Scritto da Massimo Ferraris venerdì 10 aprile 2009 0 commenti

ant5 Esulto di massima soddisfazione quando riesco a scoprire siti così interessanti, alla maggior parte di noi  sconosciuti, completamente tradotti in italiano e di assoluta utilità.

Lupo Pen Suite è un progetto in continua espansione che si prefigge di fornire in un unico “malloppone” una quantità esagerata di software freeware e portatile. In questo modo possiamo avere tutte le applicazioni che vogliamo, dai giochi agli antivirus passando per editor di testo e suite grafiche, sino ad includere browser e messaggeria istantanea.

Esistono tre versioni: la full di circa 200 MB che contiene tutto, quella lite che è una versione ridotta con una scelta mirata di software e la zero, che possiamo creare a nostro piacimento grazie all’utility ASuite che ci mette a disposizione. Proprio così: basta scegliere le applicazioni che ci interessano e caricarle sulla pen USB dopo che il programma avrà generato l’interfaccia Lupo.

Tra le “finezze” possiamo trovare la possibilità di cambiare aspetto alle icone e allo skin. Quindi non resta che andare sul sito e prelevare la versione che più ci piace. Ah, dimenticavo: Windows only…

Una rete estremamente sociale

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

logo_homepage Condividere, conoscersi, chattare, scambiarsi foto e notizie, oggi è sempre più necessario grazie a siti come Facebook, Twitter o MySpace. Ma se tutte queste applicazioni rasentano il limite della privacy, dove si può spingere internet per infrangere tale barriera? Creando nuove reti sociali a dir poco pericolose per l'utente sprovveduto che crede che tutto il mondo gli sia amico.

Wakoopa è uno di questi "luoghi oscuri", dove un'apparenza di allegria e voglia di condividere nasconde una vera e propria minaccia alla navigazione. Registrandosi è possibile scaricare un software che rileva tutte le operazioni fatte sul PC e le trasferisce al sito. Ogni 15 minuti viene fatta una scansione e quindi un aggiornamento. In questo modo gli altri utenti sapranno esattamente cosa state facendo, su quali siti siete collegati, cosa state scaricando, e ci manca poco non vengano a conoscenza del vostro numero di scarpe…

Il tutto funziona come una “catena di S.Antonio”, avendo la possibilità di creare gruppi affini, tenere sotto osservazione altri navigatori e condividere le preferenze con il mondo intero.

Se siete alla ricerca di un modo sicuro per “farvi beccare” (e non aggiungo altro), Wakoopa è uno delle reti (molto) sociali più sicure… gancjo…

 

Ecco la nuova PSP 2…

Scritto da Massimo Ferraris giovedì 9 aprile 2009 8 commenti

psp2 ... o forse! Questa immagine che mostra la nuova console portatile di casa Sony sta girando da qualche giorno su internet. Se così fosse le aspettative sarebbero senz’altro premiate, vista la cura dei particolari.

Le prime indiscrezioni parlano di uno schermo touchscreen scorrevole e dalle dimensioni maggiorate, memoria interna di 4 GB e integrazione con apparecchi multimediali (?).

Staremo a vedere, fatto sta che quest’estate ci toccherà giocare ancora con la vecchia PSP “grassottella” o la più recente “slim”, poichè il lancio è previsto in autunno, se non in prossimità del Natale.

Technorati Tag: ,,

Il desktop venuto dal futuro

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Sembra quasi un videogioco, un po' fantascientifico, un po' rompicapo. A prima vista può anche sembrare ingestibile, confusionario, da "far girae la testa", ma usandolo ed entrando "nel suo ordine di idee" lo si comincia ad apprezzare.
Parlo di BumpTop, un'applicazione solo per Windows in grado di trasformare il desktop in qualcosa di "vivo". Esistono due versioni, free e a pagamento, ma per l'uso che ne dobbiamo fare (noi utilizzatori comuni...) la versione "a gratis" è più che sufficiente.
Non servono tanti giri di parole, basta dare un'occhiata al video dimostrativo... un pigro gancjo...

Ubuntu: proviamo XFCE

Scritto da Massimo Ferraris mercoledì 8 aprile 2009 4 commenti

Xfce_logo Per chi vuole sperimentare un tipo di desktop diverso dai soliti KDE e Gnome, consiglio di provare XFCE. L'attuale versione è la 4.6 e la sua caratteristica è quella di fornire un ambiente pulito e professionale legato ad un basso consumo di risorse. Quindi ideale per computer un po’ “vetusti ed acciaccati”. Disponibili i repository per Hardy (8.04) ed Intrepid (8.10).

Per aggiornare il sistema, da terminale:

per 8.04   ->   deb http://ppa.launchpad.net/jerome-guelfucci/ppa/ubuntu hardy main

per 8.10   ->   deb http://ppa.launchpad.net/jerome-guelfucci/ppa/ubuntu intrepid main

Importiamo per ultimo le chiavi:

gpg --keyserver keyserver.ubuntu.com --recv 0E23917F5D9DCE6C

gpg --export --armor 0E23917F5D9DCE6C | sudo apt-key add -

Quindi aggiorniamo con sudo apt-get update ed installiamolo da Synaptic.

Technorati Tag: ,,,,

Prelevare comodamente le foto da Flickr

Scritto da Massimo Ferraris martedì 7 aprile 2009 0 commenti

Lo sviluppo di Adobe Air ha introdotto un nuovo modo di intendere le web applications. Essendo multipiattaforma e svincolato dai browser, trova uguale utilizzo su ogni desktop. 
Le applicazioni legate alle immagini, video e musica vanno sempre per la maggiore, poichè raccolgono "una bella fetta" di utilizzatori del web. La disponibilità di risorse praticamente illimitate è un altro incentivo allo sviluppo di tali software.
ZFlick è un eccellente mezzo che ci permette la ricerca sul famoso Flickr. Tramite una casella di testo possiamo trovare immagini che ci verranno mostrate in forma animata. Per prelevarle è sufficiente trascinarle sul desktop, cartella o applicazione che abbiamo aperta.
Nella nuova versione è stata miglioratra la ricerca, informandoci tramite metadati sulle proprietà dell'immagine selezionata (autore, dimensione ed eventuale licenza d'uso).
Per farvene un'idea osservate il video qua sotto.

PikiPimp fotoritocco gratis

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

Ecco uno di quei siti dove perdere tempo... Parlo di PikiPimp, un luogo dove poter camuffare le vostre immagini, in totale libertà e senza bisogno di iscrizioni o richiesta dati personali.
Prendete una foto, caricatela e cominciate a lavorarci sopra. Il tutto funziona con il sistema del drag'n'drop, comdo per spostare con precisione gli "orpelli" sulla foto. Gli stessi possono essere ridotti, ruotati, sfumati, inclinati e via di seguito, sino a quando non saremo contenti del risultato.
Il "capolavoro" finale può essere prelevato come singolo file immagine, oppure tramite codice da inserire nella pagina web, utile specialmente se utilizziamo effetti animati.
Che dire: collegatevi e divertitevi, tanto per passare qualche ora in completo relax ( e ce n'è veramente bisogno!)... gancjo...

Ubuntu: come eliminare le subdirectory

Scritto da Massimo Ferraris lunedì 6 aprile 2009 0 commenti

Lavorando con le cartelle può succedere che a volte andiamo a creare all’interno delle stesse altre cartelle che possono diventare col tempo obsolete. Gli esempi sono innumerevoli, come infiniti gli usi che un utente fa con il proprio PC.

Mi è capitato tempo fa in casa, quando volendo fare un po’ di pulizia nel mare di cartelle, mi sono trovato con alcune “picartellaene zeppe” di subdirectory ormai inutili. Il lavoro “certosino” mi imponeva di eliminarle una ad una, prendendole e spostandole nel cestino. Sebbene questo non sia un lavoro “faticoso”, non rende giustizia a chi vuole usare il PC (con dentro Ubuntu…) in maniera più professionale.

Ho trovato quindi il metodo tramite la riga di comando e devo dire che funziona egregiamente.

Faccio un esempio: se abbiamo la cartella PROVA in home/utente ed al suo interno sono presenti 5 sotto-cartelle chiamate UNO, DUE, TRE, QUATTRO e CINQUE (la fantasia è il mio forte…) e vogliamo eliminare le prime tre, da terminale possiamo scrivere:

  • rm -rf /home/utente/UNO
  • rm -rf /home/utente/DUE
  • rm -rf /home/utente/TRE

Meglio spostarle manualmente nel cestino, direte voi, e vi dò pienamente ragione. Ma esiste il modo di eliminarle con un solo comando, scrivendo così:

rm -rf /home/utente/{UNO,DUE,TRE}

andando ad inserire tra parentesi graffe tutti i nomi delle subdirectory che vogliamo eliminare.

Facile, no?… gancjo…

Portable Ubuntu For Windows

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

puw Come avere Ubuntu sempre a disposizione. Ormai non bastano più le varie pendrive, virtualizzazioni o livecd, adesso Ubuntu è disponibile anche come eseguibile win32 sotto XP o Vista.

Questo grazie agli sviluppatori del progetto Portable Ubuntu for Windows che sono riusciti a fare un vero “miracolo”. In 439 MB hanno condensato “l’essenza” di Ubuntu e l’hanno resa disponibile anche per chi non vuole “annacquare” il sistema Microsoft con Linux.

A questo punto non voglio più sentir dire che è un problema far convivere i due SO!!!

Il team ha unito i progetti CoLinux, Xming X server e PulseAudio per Windows ed ha creato questo prodotto che non vedo l’ora di provare, dopo che ne ho letto meraviglie!

A voi un commento… gancjo…

Può essere utile, a volte, dover registrare una telefonata. Non parlo di spionaggio o intercettazioni per fini poco legali, ma ad uso personale, come ad esempio per comprendere a "mente lucida" ciò che servizi telefonici contattabili solo tramite operatori virtuali hanno da dirci.
Insomma, per lavoro, comprensione o svago (possiamo ad esempio far "sparlare" qualche amico...), chi usa servizi VOIP, e Skype in particolare, può usufruire di Skype Call Recorder.
Il programma è gratuito e disponibile per Windows. Tra le sue caratteristiche principali ci sono quella di partire in automatico alla ricezione di una chiamata  e la possibilità di registrare telefonate multiple in file singoli.
Una volta terminata la telefonata avremo sull'hard disk il file in formato mp3.

Space Invaders da giocare online

Scritto da Massimo Ferraris domenica 5 aprile 2009 2 commenti

space-invaders Agli “albori” dei videogames, quando ancora la grafica si limitava a soggetti bianchi su sfondo nero (il più classico il tennis…), la vera rivoluzione la diede un giochino che porterò sempre nella memoria: Space Invaders.

Non nascondo di aver provato un’emozione quando ho scoperto un sito dove poterci giocare. La cosa che mi è piaciuta di più è la fedeltà rispetto all’originale, con gli stessi suoni, la stessa grafica “spartana” e la difficoltà sempre crescente. Questo sparatutto, pioniere di titoli che hanno fatto la storia di questo tipo di giochi, è d’obbligo conoscere, provare e divulgare, più che altro per rendersi conto come in soli 25 anni sia cambiato il modo di divertirsi (vero Idealsoft?…).

Un nostalgico gancjo…

Nirsoft un mare di software gratis

Scritto da Massimo Ferraris sabato 4 aprile 2009 0 commenti

nirsoft Per chi è alla ricerca di programmi ed utility che possono semplificare la vita dell’utilizzatore di sistemi Windows, voglio segnalare un pilastro storico della diffusione di applicazioni freeware, Nirsoft.
Tramite il comodo Installer possiamo avere sotto mano tutte le applicazioni pronte per essere installate sul PC. Questa utility ci aiuta anche nel rimuovere il software e ci fornisce una “top ten” dei prodotti Nirsoft più gettonati.

Ubuntu: Open Movie Editor

Scritto da Massimo Ferraris 0 commenti

screen_shot_main La qualità del software Linux è in continua crescita. Ormai il mondo software ci crede e spinge i propri sforzi nel cercare di inventare applicazioni che abbiano un impatto “professionale” sull’utente. Questo perchè anche l’utilizzatore medio comincia ad avere una certa dimestichezza con le varie piattaforme e quindi se Linux vuole diventare la chiave di svolta dei sistemi operativi free del futuro, occorre che “regali” software di un certo livello.
Tra i più “gettonati” sicuramenti quelli legati alla grafica, audio e video. Fare un DVD casalingo con le proprie immagini e riprese video non è più un problema, grazie alla quantità di applicazioni e tutorial che spiegano “prendendoci per mano” come iniziare e come finire.
Mi piace segnalare un programma veramente ottimo che lavora meravigliosamente sotto Ubuntu: Open Movie Editor. Come dice il nome è un editor open source dedicato alla manipolazione dei video. Lo consiglio perchè unisce la semplicità d’uso alla potenza di applicazioni di livello semi-professionale, quindi utile a chi lavora con i filmati a scopo amatoriale, ma che vuole comunque un prodotto solido ed affidabile.
Per Ubuntu, da terminale:
sudo aptitude install openmovieeditor
Il download per i vari sistemi Linux e tutti i plugin sono scaricabili da qui.
La documentazione (in lingua inglese) da qui.
Il pacchetto deb, qui.

mixxx Giocare con la musica, manipolare file musicali, magari inserendoci effetti e ritmi presi da altre basi. Infine salvare il tutto e gustarcelo nel nostro ipod o telefonino. Questo è possibile anche con Ubuntu e con uno strumento che nulla ha a che invidiare con altri programmi windows più "blasonati".

Si chiama MIXXX ed è disponibile nei repository di Ubuntu. Basta solo installarlo da terminale (o Synaptic, fate voi...) con:

sudo apt-get install mixxx

Supporta i formati mp3, ogg e wav e dispone di due piste separate ed indipendenti. Su Wiki ufficiale troverete informazioni e guida al suo uso.

Per chi "smanetta" con la musica è assolutamente da non perdere... gancjo...

Credo che quello del settore "aria fritta" sia uno dei più gettonati in internet. E per "aria fritta" intendo quei siti che apparentemente non servono a nulla, ma che invece raccolgono mari di proseliti. Sarà per la voglia di divertirsi, di passare qualche minuto in libertà, per non essere sempre legato alle "quattro reti sociali" che sembrano aver fagocitato il nostro interesse per la rete che ogni tanto "stacchiamo la spina" ed andiamo in cerca di qualcosa di diverso.
Quello che offre Twins or not? è la possibilità di trovare dei nostri sosia in giro per la rete, ma non dei semplici sconosciuti che ci possono assomigliare come gocce d'acqua, bensì personaggi famosi appartenenti al mondo del cinema, spettacolo e cartoon.
Vi stupirete nel vedere la vetrina di sosia messa a disposizione dagli utenti che hanno voluto provare il servizio. Registratevi, fate l'upload delle foto e vedrete che qualche sorpresa spunterà fuori... gancjo...

Graffiti PC editor

Scritto da Massimo Ferraris venerdì 3 aprile 2009 0 commenti

L'arte di "sporcare i muri" sembra sia diventato una sorta di nicchia. I divieti (giusti...) che negano di imbrattare i muri con scritte o disegni stanno avendo successo in tutta Italia.
Ma dietro a questa voglia di fare arte a tutti i costi dovrebbe nascere una sensibilità da parte delle pubbliche amministrazioni. I writers chiedono ovunque di poter avere posti dove poter liberamente dare sfogo alla loro passione, riunendosi in forme organizzate e ponendo la questione nelle sedi appropriate. E ci sono realtà dove questo è ascoltato ed addirittura vengono creati incontri e manifestazioni autorizzate. 
I graffiti, a mio parere, vanno interpretati come qualsiasi altra forma di libera espressione culturale, quindi permessi e normati. 
A parte questo "incipit" che potrà anche avermi creato dei nemici (e qualche simpatizzante, spero...), voglio segnalare Graffiti PC editor, un freeware creato da un programmatore italiano. Esiste anche un forum dove poter scambiare idee e consigli.
A detta dell'autore, il programma è stato creato per non sporcare i muri e (cosa più importante...) non sprecare troppi soldi in bombolette!... gancjo...

E se vuoi anche in

Statistiche

Iscriviti ai feed

puoi farlo anche via email:

Delivered by FeedBurner

Scrivi a gancjo

Translate this blog

parola di gancjo in...
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.
Se qualcosa ti è piaciuto basta un click! Grazie.

Lettori che mi seguono

Antipixel